Non ce ne vogliamo le altre squadre che abbiamo visto in campo martedì, ma questo mercoledì di Champions League è stato a dir poco vibrante. Ricco di emozioni fin dal primo minuto. Già, perchè oltre al passaggio del turno di squadre come Real Madrid, Tottenham, Besiktas e Manchester City, a lasciare con il fiato sospeso tutti i tifosi, è stato soprattutto l’esito dei gironi E ed F. Liverpool-Spartak Mosca, praticamente una sorta di spareggio per accedere agli ottavi, è stata chiusa fin dal primo minuto con la vittoria dei ‘Reds’ per 7-0 grazie anche a uno scatenato Coutinho autore di una tripletta. Nell’altra gara del girone, match ball importantissimo anche per il Siviglia che nella gara giocata contro il Maribor pareggia ma passa agli ottavi.

Il Napoli a Rotterdam contro il Feyenoord c’ha sperato fino all’ultimo minuto ma nel match fra gli azzurri e gli olandesi, alla fine hanno addirittura vinto gli olandesi 2-1. A Donetsk poi il Manchester City cede 2-1 contro gli ucraini. Nel girone G invece c’era solo da decidere chi fra Porto e Lipsia avrebbe fatto compagnia al Besiktas, passato prima agli ottavi di finale. A staccare il pass sono stati i portoghesi che hanno vinto 5-2 contro il Monaco. Nell’altro match il Lipsia perde 2-1 con il Besiktas. Agli ottavi ci vanno i dragoni, con la squadra della Red Bull che deve accontentarsi dell’Europa League. Malissimo in questa serata la gara del Manchester City deludente in Ucraina mentre è stata una Champions a dir poco disastrosa per il Monaco. Ma andiamo allora a vedere nell’ordine quali sono stati i promossi, bocciati e rimandati di questo ultimo turno della fase a gironi di Champions League.

I Promossi di questa lunga notte di Champions.

Klopp alza la cresta e porta il Liverpool agli ottavi.

Solo grazie ad un vero e proprio miracolo sportivo il Siviglia riuscì a strappare al Liverpool la gioia di accedere agli ottavi, nel penultimo turno della fase a gironi, con quel pareggio incredibile allo scadere. Questa sera però, nonostante uno Spartak Mosca ben messo in campo e determinato a portare punti pesanti a casa in un match ball da dentro o fuori, la squadra di Carrera si è dovuta arrendere allo strapotere e alla velocità dei ragazzi di Klopp.

Da Salah a Firminio, nel 7-0 finale con cui i ‘Reds’ hanno battuto i russi, c’è la firma praticamente gli uomini di maggiori talento di questa squadra.

Rapidi, sempre pronti a finalizzare con pochissimi tocchi le azioni d’attacco in rete, gli inglesi sono stati a tratti imprendibili, quasi spaventosi da contenere. Il passaggio agli ottavi ora è una realtà per questo Liverpool che fa tanto divertire e convince per il suo gioco energico e spumeggiante.

Il Porto non fa scherzi.

Il gol di Aboubakar nella prima frazione e il conseguente rigore che segnava il Besiktas su rigore con Negredo sul campo del Lipsia, praticamente in contemporanea, ha dato al Porto la possibilità di volare agli ottavi senza troppi problemi. Il merito? Sicuramente di un Sergio Conceicao, tecnico dei portoghesi, capace di far giocare in un modo a dir poco sublime la sua squadra che ha puntato tanto proprio sull’attaccante camerunense autore di una tripletta da sogno e capace di chiudere la contesa già nella prima frazione.

Un sogno infranto per il Lipsia, mentre è la qualificazione numero 13 agli ottavi per il Porto nella sua storia che non ha mai mostrato di essere in difficoltà questa sera contro un Monaco praticamente mai sceso in campo e che esce meritatamente da questa Champions.

Lo Shakhtar fa piangere il Napoli.

Non era un’impresa poi così insormontabile sulla carta, ma i fatti, in campo, hanno invece detto il contrario. Lo Shakhtar Donetsk che doveva perdere contro il Manchester City in Ucraina per consentire al Napoli di accedere agli ottavi in caso di vittoria degli azzurri con il Feyenoord è rimasto un sogno per i partenopei.

Bernard e compagni infatti hanno superato il turno con merito battendo un Manchester City apparso forse troppo rinunciatario e che nel 2-1 finale, ha mostrato qualche briciolo di ripresa solo nel secondo tempo quando ha trovato il gol della bandiera su calcio di rigore con Aguero quasi allo scadere.

Per il resto, gli inglesi visti nella prima frazione, dopo aver subito il doppio vantaggio dello Shakhtar, sono sembrati subito proiettati al match clou di Premier del prossimo week end nel derby contro lo United. Ma i meriti degli ucraini sono davvero tanto, in un girone che sulla carta li vedeva partire da sfavoriti. Il loro gioco, la cattiveria agonistica e la convinzione messa in campo in ogni partita hanno avuto la meglio per superare il turno ed andare agli ottavi di finale.

Bocciata la Champions del Monaco.

Il Monaco da incubo in questa annata europea.

Nonostante gli addii importanti di calciatori come Mbappè e Bakayoko, ci si aspettava francamente di più da questo Monaco in questa edizione della Champions. La sconfitta di questa sera contro il Porto conferma ulteriormente il poco appeal della squadra di Jardim con questa competizione quest’anno.

Dopo la semifinale dello scorso anno contro la Juventus, un tonfo così non se lo sarebbe mai aspettato nessuno. Unico momento bello il gol di Falcao, la rete dell’ex di turno, il miglior marcatore dei portoghesi, che si è scusato con i tifosi dopo la segnatura non esultando prendendosi gli applausi dei suoi ex supporters.

Lo stesso colombiano, Jovetic, Keita e Tielemans, solo per citarne alcuni, erano le stelle di queste squadra, incapaci però, anche questa sera, di mostrare anche un solo minimo briciolo di orgoglio per regalare ai propri tifosi la gioia almeno di salutare l’Europa con una vittoria. Nel 5-2 finale con cui i monegaschi sono usciti dallo stadio di Oporto, si chiude una fase a gironi, terminata con soli 2 punti, a dir poco da incubo per una squadra che adesso dovrà solo concentrarsi sulla Ligue 1 per non finire la stagione senza alcun risultato degno di nota.

Irriconoscibile Manchester City in Ucraina.

Belli, straordinari, a tratti imprendibili e spettacolari in campo, ma questa sera il gioco del Manchester City, capace di incantare l’Europa del calcio, non si è visto neanche minimamente nella sfida contro lo Shakhtar. In Ucraina i ragazzi di Guardiola non avevamo da giocarsi nulla visto che hanno raggiunto la prima posizione nel proprio girone, ma nessuno si sarebbe mai

La gara del City in Ucraina (SofaScore)in foto: La gara del City in Ucraina (SofaScore)

aspettato un tonfo così meritato e una prestazione così rinunciataria. Pep era l’unica speranza del Napoli che invece ha dovuto vedere i ‘Citizens’ cadere ai piedi di uno Shakhtar che, francamente, questa qualificazione agli ottavi l’ha meritata. Per il tecnico spagnolo nessun allarme, solo uno sbandata che però a Napoli avrebbero voluto evitare volentieri.

Le squadre rimandate in questa fase a gironi.

Fuori a testa alta il Lipsia.

Tutto rinviato alla prossima Europa League. Già, perchè il sogno del Lipsia di accedere agli ottavi di finale finisce qui, ma i meriti di questa matricola della competizione sono davvero tanti. Nonostante la sconfitta in casa contro i primi del girone, il Besiktas, la squadra della Red Bull è stata una vera spina nel fianco del gruppo G, capace di arrivare all’ultima giornata utile per la qualificazione agli ottavi nonostante fosse una matricola.

Lo schieramento iniziale fra Lipsia e Besiktas (SofaScore)in foto: Lo schieramento iniziale fra Lipsia e Besiktas (SofaScore)

Negredo, nella prima frazione, ha tagliato le gambe ai tedeschi, mentre nel frattempo Aboubakar prendeva a pallonate il Monaco e lanciava il Porto al turno successivo. Pazienza, ma sicuramente questa squadra, che anche quest’anno, in Bundesliga, sta dimostrando di essere davvero convincente, saprà farsi valere anche in Europa League.

Al Napoli non riesce il miracolo.

Niente da fare, missione fallita per il Napoli. Ma forse quando la radiolina ha cominciata ad annunciare il doppio vantaggio già nella prima frazione dello Shakhtar, gli azzurri hanno tirato subito i remi in barca. Anche una vittoria in Olanda infatti, avrebbe sbarrato la strada agli azzurri che contro il Feyenoord hanno addirittura perso 2-1 contro una squadra modesta e con poca qualità.

I partenopei dovranno accontentarsi ora dell’Europa League e cercare di onorare al meglio questa competizione che per tanti dovrà essere la possibilità di un immediato riscatto.

La squadra di Sarri vista questa sera, a fronte anche della sconfitta contro la Juventus in campionato, dovrà però svegliarsi subito per riprendere nuovamente il cammino brillante intrapreso a inizio stagione.

Il gol più bello di questo mercoledì.

Chi, se non Cristiano Ronaldo a realizzare la rete più spettacolare di questa serata. Certo, non è stato il solo, ma la pennellata di CR7 alle spalle del portiere del Borussia Dortmund è stata a dir poco pregevole, un gesto tecnico degno di lui, un campione assoluto che ha bagnato al meglio la vigilia della consegna del suo ennesimo Pallone d’oro. Guardare per credere.

Il portoghese ha realizzato 114 gol in Champions in totale ed è l’unico calciatore nella storia di questa competizione ad aver segnato sempre in tutte le partite della fase a gironi. Per 6 gol in 6 partite. Davvero spaventoso.

Ma dicevamo che il bomber dei ‘Blancos’ non resta di certo il solo ad aver realizzato un gol pazzesco in questa serata. A fargli compagnia infatti troviamo Bernard dello Shakhtar che ha messo a segno un gol a dir poco straordinario contro il Manchester City, quello del momentaneo 1-0.

Il quadro completo delle squadre che sono andate agli ottavi.

Già alla vigilia di questo mercoledì di Champions, sapevamo già che agli ottavi di finale erano approdate squadre come il Barcellona, il Psg, il Bayer Monaco, il Chelsea, Roma, Manchester United, Juventus e Basilea. Senza dimenticare le squadre che sono scese in campo questa sera ma già sicure di un pass per gli ottavi, vale a dire il Real Madrid, Tottenham, Besiktas e Manchester City. A queste, da questa sera, si sono aggiunte anche il Siviglia, il Liverpool, il Porto e lo Shakhtar Donetsk. Ecco il quadro completo

  • Prime nel girone: Manchester Utd, Paris Saint-Germain, Roma, Barcellona, Manchester City, Besiktas, Tottenham e Liverpool
  • Seconde nel girone: Basilea, Bayern Monaco, Chelsea, Juventus, Real Madrid, Shakhtar, Siviglia e Porto.

I risultati dell’ultima giornata della fasi a gironi di Champions.

  • Gruppo E – Liverpool-Spartak Mosca 7-0, Maribor-Siviglia 1-1 Classifica: Liverpool 12 punti, Siviglia 9, Spartak Mosca 6, Maribor 3.
  • Gruppo F – Feyenoord-Napoli 2-1, Shakhtar-Manchester City 2-1 Classifica: Manchester City 15 punti, Shakhtar 12, Napoli 6, Feyenoord 3.
  • Gruppo G – Porto-Monaco 5-2, Lipsia-Besiktas 1-2 Classifica: Besiktas 14 punti, Porto 10, Lipsia 7, Monaco 2.
  • Gruppo H – Real Madrid-Borussia Dortmund 3-2, Tottenham Apoel 3-0 Classifica: Tottenham 16 punti, Real Madrid 13, Dortmund e Apoel 2.