Nel febbraio del 2017, poche settimane dopo che il Cile è stato colpito un'ondata di incendi senza precedenti e migliaia di famiglie sono rimaste senza casa, il portiere e capitano della nazionale cilena Claudio Bravo aveva fatto sapere che avrebbe voluto aiutare alle vittime di una delle zone colpite, la città di Los Aromos a Santa Olga, attraverso un post sul suo profilo di Instagram, il mezzo che ha usato per criticare le autorità per alcune difficoltà che stava ponendo per portare aiutare: "Vogliamo dare una casa a quelle persone che hanno perso tutto. Sfortunatamente il sindaco e i suoi collaboratori ci impediscono di aiutare coloro che ne hanno più bisogno in questo momento".

A più di due anni dopo questa tragedia, è emerso che il portiere del Manchester City ha raggiunto ugualmente il suo obiettivo con almeno quattro famiglie e tutto grazie ad un ragazzo che gli chiese la maglia in tv: Bravo ha comprato una casa per la sua famiglia e per altre tre.

Hay cosas que cuesta creer y que solo pueden pasar en Chile. Llevamos mucho tiempo en silencio y colaborando con las familias damnificadas de Los Aromos De Santa Olga. Queremos entregarles un hogar a esas personas que perdieron todo. Pero lamentablemente el señor alcalde de constitución y sus colaboradores nos impiden seguir ayudando a quienes más lo necesitan en estos momentos. Nos tienen cerrado el paso de entrega de nuevas casas, materiales de construcción y mas ayuda para estas familias que lo necesitan con suma urgencia. No quieren que hagamos el trabajo antes que el gobierno. Además se jactan diciendo que esa ayuda es una subvención del gobierno para estas familias. En la localidad de Los Aromos solo existe una ayuda, y esa es la de los voluntarios que llevan semanas con las personas más damnificadas, solo con el sentimiento de entregar a los que más lo necesitan. Necesitamos la ayuda de ustedes, muchas familias necesitan un nuevo hogar. Pero en nuestro país lamentablemente existen personas que solo velan por sus interés. #FuerzaLosAromos. #Seguiremos #NecesitamosMasAyuda. 🙏🙏🙏🙏🇨🇱

A post shared by 🇨🇱 Claudio Bravo (@claudiobravo1) on

Questo bellissimo gesto è stato scoperto dal media cileno La Cuarta intervistando uno dei proprietari di queste case, Miguel Millanguir, il nonno di un bambino di 9 anni di nome Camilo, che ha dato vita a tutto questo:

Hanno intervistato mio nipote quando il fuoco era ancora acceso e ha detto che gli sarebbe piaciuto avere la maglia di Claudio Bravo. Lui dopo lo ha contattato e gli ha detto che gli avrebbe dato la camiseta e anche una casa.

Claudio Bravo ha mantenuto la parola e la sua generosità ha raggiunto altre tre famiglie che si trovavano nella stessa situazione di quella di Camilo. Miguel ha anche raccontato che la moglie dell'ex calciatore del Barcellona, Carla Pardo, si è recato sul posto dopo l'acquisto delle case e ha voluto condividere un altro dettaglio della storia: "Carla Pardo è venuta più tardi con i suoi figli a farci visita e vedere come eravamo. È stato molto gentile. Hanno persino invitato mio nipote e suo padre a una partita allo Estadio Nacional".

Questo aiuto disinteressato di Claudio Bravo verso i suoi connazionali non era stato messo in piazza fino a questo momento ma ora è diventato una notizia di levatura internazionale e ha portato una pioggia di elogi verso il portiere cileno.