La Juventus ieri ha sconfitto 1-0 il Genoa. Il gol di Cuadrado ha regalato ad Allegri il tredicesimo successo consecutivo, record assoluto nell’ultra centenaria storia bianconera. Il Napoli è sempre a tiro e tra meno di dieci giorni c’è la super sfida allo ‘Stadium’. Non sono però tutte e rose e fiori per i bianconeri, che continuano a collezionare infortuni – Khedira salterà il Napoli e rischia di non giocare l’andata con il Bayern, mentre Caceres ha finito la stagione per via di un serio infortunio al tendine d’Achille. Ha rovinato la sfida con il Genoa Simone Zaza, espulso con rosso diretto per una entrata rude su Izzo. Il cartellino ricevuto dall’attaccante ha complicato i piani del tecnico livornese, che domenica prossima in attacco non potrà fare turn over e dovrà schierare per la terza partita consecutiva Dybala e Morata, che faranno coppia anche contro il Napoli e il Bayern, vista l’assenza (per infortunio) di Mandzukic.

Oggi, a margine della presentazione della sua biografia social ‘The Defender’, Giorgio Chiellini ha tirato le orecchie all’ex bomber del Sassuolo: “Con Simone ho un buonissimo rapporto e Simone è una persona che in questi mesi è migliorata tantissimo. Ieri ha dato una svolta importante, perché il suo ingresso ha rianimato la partita, ma deve imparare a gestire alcuni momenti della sua partita. Zaza sa di aver sbagliato contro il Genoa, sono convinto che migliorerà anche sotto questo aspetto. Il più grande difetto di Zaza è che è un testone ed è permaloso, ma ti ascolta e cresce seguendo i consigli. Ha grandi potenzialità, deve restare qui con noi. Ma deve migliorare perché deve affinare sia tecnicamente che caratterialmente alcuni lati della sua personalità in campo. Chiaramente deve limitare l’eccesso di agonismo e foga che viene dalla sua voglia di far bene”.