Gareth Southgate ha convocato tantissimi giocatori per le ultime partite del 2018 dell’Inghilterra. Tra questi ci sono il baby terribile del Borussia Dortmund Jadon Sancho, classe 2000, Wayne Rooney, che ritorna per una grande celebrazione, giocherà la 120esima e ultima partita in nazionale e parte dell’incasso dell’amichevole con gli Stati Uniti finirà alla sua fondazione benefica, e Callum Wilson, un nome che dice poco a chi non è un grande appassionato della Premier League. Questo 26enne del Bournemouth sta segnando a raffica e c’è già chi lo ha definito il nuovo Vardy.

Callum Wilson come Vardy

Callum Wilson non ha grandi similitudine tecniche con il bomber del Leicester, perché il bomber delle ‘Cherries’ ha uno stile di gioco più moderno, segna e fa segnare i compagni di squadra, ma il paragone c’è perché entrambi sono partiti davvero dal basso. Wilson la prossima settimana respirerà l’aria della nazionale dei ‘Tre Leoni’ indosserà la maglia bianca a Wembley, pure se dovesse finire in panchina, e in quei momenti non potrà non pensare a quando sei anni fa giocava nella 6a serie inglese, e non potrà non pensare ai tre gravissimi infortuni che ha subito in questi anni.

In Premier segna a raffica, Kane e Salah lo seguono

Il presente è radioso. Wilson ha segnato 7 gol in questa stagione, 6 in Premier League, uno in meno dei tre capocannonieri del campionato: Hazard, Aguero e Aubemeyang. Wilson ha alle spalle Kane e Salah e ha anche servito cinque assist vincenti ai compagni del Bournemouth, la grande rivelazione della Premier che respira l’aria dell’alta classifica. Adesso è arrivata pure la convocazione in nazionale. Tutto fantastico. Ma il suo percorso è stato davvero a ostacoli.

La scalata parte dalla 6a serie

Quando era un ragazzino giocava nel Coventry, che decise di cederlo in prestito al Kettering Town, una squadra della sesta serie inglese. Wilson disputa 17 partite, segna solo un gol, passa al Tamworth Fc, che gioca nella quinta serie, segna poco pure lì. Forse si era immalinconito. Il Coventry se lo riprende, pian piano Wilson risorge e mostra a tutti una grande forza di volontà. Perché mentre gioca con la squadra della sua città si rompe un piede, e resta fuori quasi un anno.

Due crociati rotti e tanti gol con il Bournemouth

Il Bournemouth se lo compra, crede in lui, Wilson ripaga la fiducia: 20 gol in 45 partite che fruttano una storica promozione in Premier, dove gioca pochissimo. Perché dopo essersi presentato con una tripletta agli Hammers si rompe il crociato. Quando torna si rimette in carreggiata e torna a fare gol (6 in 20 partite), ma arriva un altro infortunio serio al crociato, questa volta al sinistro. Altro lungo stop, in questa primissima parte della stagione si è rifatto alla grandissima. Segna, crea, trascina e ora è pure in nazionale. Bravo Callum Wilson, che sogna l’esordio con l’Inghilterra e non vuole fermarsi.