Vincere fa bene, a tutti. Quando i risultati arrivano le colpe vengono suddivise e ridimensionate ma quando la tensione sale, si cerca sempre il colpevole principale di ciò che non va. E al Chelsea di Maurizio Sarri c'è chi ha puntato il dito sul centrocampista Jorginho, ex Napoli, portato a Londra dal tecnico. Jorginho ha numeri importanti in questo suo primo anno assoluto in Premier League ma non sembra che alcuni tifosi se ne preoccupino.

Il centrocampista in estate è stato voluto fortemente a Stamford Bridge da Maurizio Sarri ma adesso è finito nel mirino dei tifosi Blues, che lo considerano poco decisivo e si sfogano sui social network. Jorginho ha effettuato il maggior numero di passaggi in Premier League, circa duemila, risultato il top in questo settore eppure non ha servito nessun assist vincente. Ed è questa la principale contestazione: tanto fumo, poco arrosto.

60 milioni al momento spesi male

Se si guardano le statistiche, i detrattori del centrocampista hanno vita facile: addirittura Ederson, portiere del Manchester City, ha fatto meglio di lui con un assist vincente. Maurizio Sarri per lui ha fatto sborsare al club londinese oltre 60 milioni di euro, chiedendolo espressamente ad Abramovich. Buone prestazioni, con il centrocampista che è immediatamente diventato centrale nel progetto di gioco dell’allenatore italiano, ma non è ancora risultato decisivo.

Primo nei passaggi, a zero tra gli assist

La statistica che lo inchioda è quella relativa agli assist elargiti ai compagni. In questo senso i numeri sono piuttosto sfavorevoli al regista della Nazionale italiana: in testa alla classifica di passaggi effettuati in campionatoJorginho ha creato appena un’azione pericolosa e non ha servito nessun assist. Meglio di lui ha fatto addirittura Ederson, portiere del Manchester City che nel corso del campionato è riuscito a fare un assist vincente per i compagni (in 1470 passaggi).

Le critiche sui social

Un dato negativo che sta pesando anche sugli attuali risultati non proprio positivi dei Blues con i tifosi che contestano l'approccio dell'azzurro: passaggi perfetti ma spesso solamente in chiave difensiva, nessuna idea vincente per gli attaccanti, tanta quantità e zero qualità. Per Sarri e per Jorginho servirà un riscatto immediato.