I diritti televisivi per trasmettere la Champions League nel triennio 2018/2021 sono appannaggio della piattaforma televisiva satellitare Sky. Tuttavia, grazie a un accordo raggiunto tra la Rai e il colosso di Rupert Murdoch, ogni settimana è possibile vedere in chiaro una partita sulla tv di Stato. Questa volta sarà il turno di Manchester City-Tottenham (mercoledì 17 aprile, ore 21, diretta Rai 1), gara che promette spettacolo visto il risultato dell'andata. Con l'1-0 del Tottenham Hotspurs Stadium, gli uomini di Pochettino partono avvantaggiati, ma all'Ethiad Stadium sarà battaglia.

Su quali canali vedere il ritorno dei quarti di Champions

Le gare di martedì saranno entrambe esclusiva Sky. La diretta live è sui canali satellitari e in streaming sulla piattaforma Sky Go. Il derby inglese Manchester City-Tottenham di mercoledì sarà visibile in diretta e in chiaro su Rai 1, mentre l'altra semifinale di dopodomani, Porto-Liverpool, sarà anch'essa un'esclusiva Sky.

Champions, il programma di martedì 16 aprile

Juventus-Ajax (1-1) – Ore 21, diretta Sky Sport 1 e Sky Sport (canale 252)
Barcellona-Manchester United (1-0) – Ore 21, diretta Sky Sport Football e Sky Sport (canale 253)

Champions, il programma di mercoledì 17 aprile

Manchester City-Tottenham (0-1) – Ore 21, diretta Rai 1, Sky Sport 1 e Sky Sport (canale 252)
Porto-Liverpool (0-2) – Ore 21, diretta Sky Sport 1 e Sky Sport (canale 253)

Rivoluzione diritti, perché la Rai può perdere la Champions dal prossimo anno

Detto che Sky detiene l’esclusiva fino all’edizione 2020-2021, il network di Murdoch sembrerebbe avere trovato un’intesa con Mediaset per cedere un incontro a settimana da trasmettere in chiaro sulle proprie reti: si tratterebbe di un grande ritorno della competizione europea sulle reti del Biscione dopo l’esclusiva avuta nel triennio 2015-2018. La Rai sembrerebbe essere stata troppo attendista e così la Champions League, gratis e in chiaro, potrebbe tornare su Canale 5. Si parla di un’offerta che si aggira attorno ai 100 milioni di euro contro i 40 milioni attuali versati dalla tv di Stato.

  • Va ricordato che dal prossimo anno la UEFA non obbligherà più a trasmettere in chiaro un incontro a settimana.