La Champions League è la competizione più bella e più ambita del mondo. Non c'è manifestazione più affascinante di questa e, non a caso, nella maggior parte dei casi in queste gare vengono realizzate le giocate e le reti più belle dell'anno. Nell'anno solare 2018 il protagonista assoluto è stato Cristiano Ronaldo con due reti capolavoro ma negli ultimi 12 mesi sono state tante le realizzazioni di pregevole fattura. Ne abbiamo messe insieme 10 che riguardano solo la massima competizione europea.

Cristiano Ronaldo (Juventus-Real Madrid)

Il 3 aprile 2018 il fuoriclasse portoghese vestiva ancora la maglia del Real Madrid e all'Allianz Stadium buona parte del pubblico non ha potuto che alzarsi e applaudire alla prodezza di CR7. Una rovesciata che è ancora nelle menti di tutti quelli che stavano guardando la partita in diretta e hanno avuto la stessa reazione di Zinedine Zidane: il punto d'impatto tra piede e pallone è stato raggiunto a 2.37 m da terra e qualcuno ha voluto mettere in dubbio il gesto del lusitano con le solite polemiche sterili. Straordinario.

Cristiano Ronaldo (Juventus-Manchester United)

Qualche mese più tardi Cristiano Ronaldo si è trasferito alla Juventus e proprio nello stesso stadio ha realizzato un altro grandissimo goal. Contro la sua ex squadra, il Manchester United, il numero 7 della Vecchia Signora ha sfruttato un magnifico assist di Bonucci e ha trafitto De Gea con una grandissima conclusione al volo.

Gareth Bale (Real Madrid-Liverpool)

Si può risolvere una finale di Champions con una rovesciata? Sì, basta chiedere a Gareth Bale. A 3′ minuti dal suo ingresso il gallese ha indirizzato la coppa dalle grandi orecchie con un bellissimo gesto atletico che ha lasciato tutti di stucco. Stupendo.

Mauro Icardi (Inter-Tottenham)

Il ritorno dell'Inter in Champions è coinciso con l'esordio nella massima competizione europea di Mauro Icardi. Il numero 9 ha dato il via alla rimonta nella prima giornata contro il Tottenham a San Siro con un favoloso tiro al volo dal limite dell'area su cross dalla sinistra di Asamoah. Coordinazione, senso del goal e potenza.

Lionel Messi (PSV-Barcellona)

Lionel Messi è un mago. Riesce a fare le cose che fanno gli altri al doppio della velocità e a far sembrare semplice cose difficilissime. Contro il PSV il numero 10 del Barça ha aperto le marcature con uno slalom vertiginoso intervallato da una triangolazione con Dembélé e prendendo il tempo a tutti sulla conclusione. Incanto patronus!

Mohamed Salah (Liverpool-Roma)

Nella semifinale d'andata della scorsa edizione della CL ad aprire le marcature è stato proprio l'ex Mohamed Salah con una conclusione imparabile per Alisson: l'egiziano dalla sua posizione preferita ha scaricato un tiro che ha toccato la traversa e si è infilato in rete.

Lorenzo Insigne (PSG-Napoli)

Palla in verticale di Callejon sulla quale si avventa Lorenzo Insigne: tocco sotto e Areola fuori dai giochi. Ci sono diversi modi per portare a compimento questa azione ma il numero 24 ha scelto il più bello, esteticamente, e difficile, per esecuzione. Velocità di pensiero.

Ivan Rakitic (Tottenham-Barcellona)

Questo goal è un vademecum su come si dovrebbe calciare il pallone: Ivan Rakitic a Wembley ha compiuto un capolavoro che mette insieme potenza, precisione e posizionamento del corpo. Manuale.

Ousmane Dembélé (Barcellona-Tottenham)

Avete mai pensato di poter riprodurre un goal fatto alla PlayStation nella realtà? Prima di voi lo ha fatto Ousmane Dembélé. L'esterno offensivo francese prende palla nella sua metà campo, salta come birilli chiunque provi ad ostacolargli la corsa e batte senza troppi problemi Lloris. Realtà virtuale.

Gonzalo Higuain (Juventus-Tottenham)

Primo tocco, goal. Punizione di Pjanic in area su cui arriva Gonzalo Higuain e al volo colpisce di destro in maniera quasi perfetta: palla sul secondo palo e vantaggio Juventus al 2′. Assist perfetto e esecuzione magistrale.