Il Real Madrid è riuscito a vincere in casa dell'Ajax la gara d'andata degli ottavi di finale della Champions League per 2-1 grazie alle reti di Benzema e Asensio e nella gara dell'Amsterdam Arena è arrivato il primo episodio in cui è intervenuto attivamente il VAR per cambiare una decisione. La squadra olandese aveva trovato il vantaggio con Tagliafico ma Courtois è stato salvato dall'intervento della tecnologia che ha annullato il goal dei Lancieri per fuorigioco di Tadic che, al momento del colpo di testa si trova oltre l'ultimo difensore e disturba l'uscita del portiere dei blancos, che stava provando a mettere una pezza al suo errore. Dopo qualche secondo è arrivato l'ausilio del Var non sarebbe mai stato fischiato. Come dicevamo, si tratta della prima storica decisione presa in Champions grazie con l'ausilio dello strumento tecnologico dopo che in Roma-Porto c'era stato solo un silent-check per verificare un presunto contatto in area di rigore giallorossa.

Il supporto ha fatto il suo esordio nella competizione proprio negli ottavi di finale e finora sembra filare tutto bene ma, chiaramente, è ancora presto per fare un bilancio. L’errore di Courtois, in ogni caso, è stato abbastanza grossolano ma dopo aver rivisto il tutto l'arbitro Skomina ha evitato anche una brutta figura al portiere belga del Real Madrid.

Il numero uno dei merengues si è fatto sfuggire il pallone colpito di testa in maniera apparentemente innocua da de Ligt e con la sfera rimasta in gioco, il più lesto in area è stato l'argentino Tagliafico a insaccare in rete ma, dopo il controllo con il VAR, l’arbitro dell’incontro ha annullato la rete per posizione di fuorigioco del compagno del laterale argentino che ha ostacolato l'uscita del portiere, che cercava di rimediare al suo errore.