La Roma vuole i quarti di Champions League. Dopo la vittoria con il Torino, che ha permesso di proseguire la striscia positiva dopo l'ottima prova di Napoli, la squadra di Eusebio Di Francesco è molto concentrata in vista della gara di martedì contro lo Shakhtar Donetsk che mette in palio il pass per sedersi al tavolo delle migliori otto squadre d'Europa. Ribaltare il 2-1 dell'andata non sarà facile ma il club capitolino ha le carte in regola per poter passare il turno.

Il tecnico giallorosso vuole una squadra aggressiva, concentrata e determinata per battere gli ucraini e a Trigoria le mosse per presentare martedì sera all'Olimpico la miglior Roma possibile. Tra domani e lunedì Di Francesco porterà la squadra in sala video per rivedere il primo tempo giocato a Kharkiv lo scorso 21 febbraio e cercare di fissare dei concetti da cui ripartire per centrare i quarti di finale di Champions League.

Di Francesco: Possiamo portare a casa la qualificazione

Eusebio Di Francesco dopo la vittoria con il Toro ha spiegato come la Roma può battere lo Shakhtar Donetsk e centrare la qualificazione al turno successivo:

Ai miei ragazzi mostrerò la gara d'andata, la differenza tra i due tempi. Secondo me possiamo portare a casa la qualificazione se riusciamo ad avere per almeno 70 minuti l'atteggiamento tenuto nei primi 50. Concederemo poco o niente all'avversario, questa deve essere la nostra mentalità, sapendo che più che ucraini sono brasiliani per la facilita' di manovra e per come si esprimono. Più li facciamo palleggiare, meno li pressiamo e meno li andiamo a prendere e più avremo difficoltà. Loro verranno all'Olimpico e troveranno un pubblico splendido che sarà il nostro 12° uomo e ci darà la forza di andare a prenderli nella loro metà campo.

In attacco torna Dzeko con Under e Perotti

Per quanto riguarda la formazione, la Roma ritroverà, sicuramente, Edin Dzeko al centro dell'attacco e dopo la doppietta rifilata al Napoli il centravanti bosniaco vuole ripetersi in Champions League. Con lo Shakhtar tornerà ad accomodarsi in panchina El Shaarawy, che sarà sostituito da Perotti, mentre nel tridente ha il posto assicurato Cengiz Under, autore del goal nella sfida d'andata e a caccia del bis.

In difesa rientrerà Federico Fazio al posto di Juan Jesus e in base al modulo che metterà in campo Di Francesco potrebbe giocare o Strootman o Pellegrini: nel caso in cui la Roma andasse in campo con il 4-2-3-1 l'olandese farebbe reparto con De Rossi, con Nainggolan nei panni del trequartista mentre nel 4-3-3 sarebbe l'azzurro a giocare in mezzo al campo con il capitano e il belga.

Le probabili formazioni

ROMA (4-2-3-1): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; De Rossi, Strootman; Under, Nainggolan, Perotti; Dzeko.

SHAKHTAR DONETSK (4-2-3-1): Pyatov; Butko, Ordets, Rakitsky, Ismaily; Fred, Stepanenko; Marlos, Taison, Bernard; Facundo Ferreyra.