Otto scudetti consecutivi e una finale di Champions League che è a portata di mano. Arturo Vidal, tra i protagonisti della semifinale di andata contro il Liverpool, ha sfoderato contro i Reds una grande prestazione, da ‘todocampista', da uomo ovunque che ‘randella' in mediana, tiene il fiato sul collo dell'avversario in difesa e – se l'azione lo permette – si tiene pronto all'incursione in area. Il ritorno ad Anfield Road non sarà una passeggiata, per arrivare al Wanda Metropolitano e giocarsi il trofeo contro Ajax (favorito dopo il colpo in Inghilterra) o Tottenham servirà uscire indenni anche dalla tana dei Reds. Tutto molto bello per il centrocampista cileno che un po' c'è rimasto male quando ha appreso della eliminazione della Juventus per mano dei ‘giovani lancieri'. Avrebbe voluto incontrare la ‘vecchia signora' in finale, misurarsi contro CR7… ma dovrà accontentarsi.

Sono deluso dalla Juventus, pensavo arrivasse in finale di Champions League – ha ammesso Vidal nelle interviste del dopo gara -. Non mi aspettavo un esito del genere per i calciatori che ha in squadra. Che amarezza sapere che sono usciti così dalla Coppa. Ora però penso solo a vincere la Champions.

Al Camp Nou, in quello che Klopp aveva sminuito sostenendo che "non fosse un tempio", i blaugrana hanno ipotecato il passaggio del turno e la finalissima in programma il 1° giugno sull'altra sponda del Manzanarre. Il 3-0 è una montagna impervia da scalare anche per l'orgoglio dei Reds.

L'obiettivo è vincere la Champions e questa era la partita più importante finora – ha aggiunto Vidal -. Non è stata semplice, anzi a tratti molto difficile però abbiamo fatto un bel risultato, che ci lascia tranquilli per la partita di ritorno. E il secondo gol di Leo è stato davvero spettacolare. Messi è straordinario. Non solo segna e fa fare gol, ma è utilissimo anche in fase difensiva, nel pressing.