Contento del mercato, al quale dà 10 come voto. Pronto a tuffarsi nel campionato con una squadra più forte dell'anno scorso e a competere per lo scudetto. È così che Carlo Ancelotti parla del Napoli alla vigilia della prima partita di campionato. Manolas e Lozano, Di Lorenzo ed Elmas sono i quattro colpi ufficiali di questa sessione estiva delle trattative. Mancano altri dieci giorni e tutto può accadere: da Mauro Icardi (che sembra idee differenti) fino a Fernando Llorente (lunedì potrebbe essere il giorno della firma) passando per James Rodriguez (la classica ciliegina sulla torta di un periodo di trattative proficuo e funzionale al progetto tattico) le novità non mancheranno nelle prossime ore.

Il tecnico, però, cuce la bocca sulla vicenda mercato e nulla concede agli interlocutori quando gli sottopongono i nomi. "Non sono interessato alla vicenda, ci pensa la società. Abbiamo dirigenti competenti, io penso alla squadra e domani abbiamo un inizio importante e difficile". Solo su Milik si sbilancia e taglia corto.

Stiamo cercando da tempo di rinnovare il contratto, c'è una trattativa in corsa – ha ammesso Ancelotti -. Vogliamo tenerlo a lungo. Per noi è importante anche per il futuro, è ancora giovane, ha fatto bene e può fare meglio. Se giocasse da un'altra parte tutti direbbero ‘al Napoli serve Milik' ma noi ce l'abbiamo e vogliamo tenerlo stretto con noi.

Nella giornata odierna è arrivata l'ufficialità dell'ingaggio di Horving Lozano: giovedì sera il tecnico lo ha incontrato all'Hotel Vesuvio, oggi il messicano ha fatto conoscenza con i nuovi compagni di squadra. A Firenze non ci sarà, l'ex Psv andrà in campo a Torino contro la Juventus. Ancelotti ne parla con entusiasmo per le qualità e le caratteristiche che all'epoca del Mondiale in Russia lo portarono a definirlo un "calciatore che mi piace da morire". De Laurentiis lo ha accontentato, el Chucky è azzurro e in attacco è una risorsa preziosa.

Può giocare a destra, sinistra, dietro la punta o anche prima punta – ha aggiunto l'allenatore -. E’ un giocatore completo. Lozano è uno specialista del gioco d’attacco.

Dove può arrivare questo Napoli? Ancelotti non si nasconde e, fedele al quel "al 31 agosto saremo tutti contenti", ribadisce soddisfazione per il lavoro svolto finora e fiducia per il futuro, per le ambizioni di una squadra uscita rafforzata dal mercato. L'obiettivo? Competere per lo scudetto. Inutile nascondersi.

Il mercato del Napoli è stato ben fatto ed è oneroso per la società. Gli obiettivi sono stati raggiunti e merita un bel 10 per quanto fatto. Questa squadra ha le qualità per lottare per vincere. Mi assumo la responsabilità di quello che dico.