Probabilmente non ci sarà nessun botto di inizio 2019: la sessione di mercato invernale non sorriderà a chi si augura una trattativa di primo piano. I motivi sono molteplici e il prolungamento fino al 31 gennaio non cambierà la sostanza. Ci sarà un gran viavai di nomi e di trasferimenti tra società, con prestiti, riscatti, scambi alla pari. Profili di secondo piano, qualche innesto studiato a tavolino più dei contratti ad alcuni giovani di prospettiva.

Di certo non mancheranno arrivi dall'estero, perché anche se i migliori resteranno almeno fino a giugno nei rispettivi campionati di appartenenza, ci sarà la consueta invasione di Carneadi stranieri sui quali si proverà a puntare nel tentivo di scovare a basso costo qualche giocatore in grado di spostare gli equilibri interni soprattutto delle squadre di seconda fascia.

Enrico Preziosi sarà tra i presidenti che non rimarrà a guardare. Come sempre il patron del Genoa è pronto a diventare uno dei protagonisti delle trattative invernali come è sempre accaduto nelle sessioni precedenti. Anche quest'anno si è già distinto per la girandola di allenatori (quattro compreso lo Juric bis) e proprio il Genoa è tornato al centro dei rumor di calciomercato.

Le mosse del Genoa

Se in attacco no c'è molto da ritoccare, con Piatek vera sorpresa di questa stagione e il giovane Kouamè in costante crescita (e in orbita Napoli) , è a centrocampo che, in accordo con Prandelli, si dovrebbero operare alcune migliorie. C'è ad esempio l'interesse per Antonio Barreca, che al Monaco ha trovato poco spazio, oppure Pawel Jaroszynski, classe 1994 che dal Chievo Verona, fanalino di coda, potrebbe trovare approdo sotto la Lanterna rossoblù.

Sturaro e Viviano, pronti i rientri in Serie A

Poi ci sono alcuni possibili ritorni, come quelli di Sturaro e di Viviano. Il primo è in prestito, di proprietà della Juventus e ancora lontano dai campi per problemi fisici che ne hanno limitato l'utilizzo. Il secondo è in rotta con lo Sporting, pronto a ritornare in Italia. Ovviamente c'è il Genoa per il centrocampista, mentre per il portiere si potrebbe aprire un'asta tra Fiorentina e Spal.

Tsygankov per la Roma

Infine, la Roma che sta cercando altri giovani per un progetto a lunga scadenza. Già protagonista in estate con una campagna acquisti da 100 milioni, i giallorossi avrebbero messo gli occhi su Viktor Tsygankov, esterno destro offensivo classe 1997 della Dinamo Kiev. Il 20enne nazionale ucraino nella scorsa stagione ha segnato di tacco nella sfida di Europa League contro la Lazio e anche per questo sarebbe ben visto dal popolo romanista.