Braccio di ferro tra Manchester United e Paul Pogba? La reazione dei Red Devils alle ultime dichiarazioni di Mino Raiola, agente del centrocampista francese, non si è fatta attendere e il club britannico ha alzato il prezzo del cartellino del campione del mondo da 160 a 200 milioni di euro. Questo è ciò che ha riportato il tabloid inglese Mirror, che nella sua edizione odierna ha messo in risalto le parole del procuratore che non  ha mai nascosto la volontà del suo assistito il club di abbandonare lo United e ha sottolineato che "Paul non ha fatto nulla di sbagliato" in attesa di una trovare una soluzione con la società inglese.

Il Manchester United, per tutta risposta a Raiola, ha alzato il prezzo del cartellino di Pogba da 160 a 200 milioni di euro non aiutando di certo l'uscita del calciatore in questo modo. Il Real Madrid, che sarebbe stato l'unico club a tentare di prendere in il francese, potrebbe pensare di desistere, così come ha già fatto la Juventus, di fronte alle pretese economiche dei Red Devils.

Il Real Madrid deve vendere per tentare il colpo Pogba

Per questa cifra che né i blancos né i bianconeri sembrano essere propensi a muoversi e così Pogba non avrebbe più mercato. Il Real Madrid ha già investito oltre 300 milioni di euro per la campagna di rafforzamento e, se prima non effettua qualche cessione, vendendo alcuni dei big in esubero (Bale, Navas, Mariano Diaz, Ceballos e Isco), non potrà effettuare altri investimenti in entrata. Se la Casa Blanca dovesse accumulare una cifra che sarebbe in grado di coprire almeno in larga parte il costo del cartellino di Pogba, allora potrebbe tentare l'assalto al centrocampista francese che ha da tempo chiesto di lasciare la Premier League per una nuova esperienza. Potrebbe essere questa la trattativa che attirerà l'attenzione degli addetti ai lavori per le prossime settimane.