La Sampdoria è pronta all’ennesima rivoluzione di mercato. Nei giorni scorsi il club blucerchiato ha presentato il tecnico Eusebio Di Francesco, che ha firmato un contratto pluriennale e che presentandosi ha ribadito che continuerà a giocare con il suo modulo preferito e cioè il 4-3-3. Cambierà pelle, seppur in modo parziale, la Sampdoria che si appresta a cambiare tanti uomini sul mercato. Prima di pescare i giovani talenti del futuro, cosa accaduta puntualmente nelle ultime stagioni, i blucerchiati potrebbero cedere il danese Andersen al Lione.

Sampdoria, verso la cessione di Andersen e Kownacki

Joachim Andersen è stato uno dei migliori difensori centrali di tutta la Serie A. Il danese arrivato in punta di piedi è cresciuto moltissimo con Marco Giampaolo e per tanto tempo è sembrato nel mirino dei principali club italiani. Andersen si appresta invece a salutare il campionato italiano. Il Lione sembra aver trovato l’accordo con il giocatore e con la Sampdoria, che vuole incassare 35 milioni. Il club del presidente Aulas ne offre 30 più bonus, l’intesa è molto vicina. Il polacco Kownacki invece sarà ceduto a titolo definitivo al Fortuna Dusseldorf, che dopo averlo ingaggiato in prestito sborserà 10 milioni di euro.

Gli obiettivi di mercato della Sampdoria

Con il nuovo modulo servono degli esterni d’attacco alla Sampdoria, che in avanti comunque non può prescindere da Fabio Quagliarella, capocannoniere dell’ultimo campionato. Di Francesco vuole Verdi, che è in uscita del Napoli ma costa 20 milioni. Una cifra importante. Nel mirino del d.s. Osti c’è il danese Andreas Skov Olsen, diciannovenne paragonato già all’olandese Robben e al connazionale Eriksen. Da tempo invece i blucerchiati seguono l’ucraino Ruslan Malinvskyi, che gioca con il Genk, un club abilissimo nel pescare giovani talenti.