La Roma cambierà parecchio nella prossima stagione. I giallorossi vorrebbero ripartire da Stephan El Shaarawy, ma l’attaccante però in questo momento non è così certo di rimanere. Il suo contratto scade nel 2020, la Roma intende prolungarglielo, ma la trattativa non sarà agevole e se non verrà trovato l’accordo la separazione arriverebbe subito.

Le vacanze di El Shaarawy

Finito il campionato, il Faraone è stato con la Nazionale. Poi sono arrivate le meritate vacanze ma solo dopo aver passato tante giornate con i bimbi di ‘Calcio Insieme’, un progetto nato dalla collaborazione tra la Fondazione Roma Cares e l’ASD Accademia Calcio Integrato. L'attaccante è partito per un mini tour d’Europa: Montecarlo, Mykonos, meta sempre più gettonata, dove ha incontrato anche il famoso Salt Bae, chef turco famoso per come preparare e cuoce la carne, e infine Ibiza, dove è con gli amici più stretti e il fratello, Manuel, che tiene i contatti con la Roma e attende una chiamata del d.s. Petrachi, che ufficialmente non è stato ancora nominato.

Le richieste economiche di Stephan El Shaarawy

Il contratto di El Shaarawy scade il 30 giugno 2020. Il ‘Faraone’ chiede un contratto da tre milioni di euro netti più bonus e sopratutto un quadriennale. L’attaccante vuole un contratto importante perché tra qualche mese compirà ventisette anni. Il club giallorosso non vuole perderlo, e cercherà di assecondare le richieste di El Shaarawy, anche se fino a un certo punto, perché la Roma non vorrebbe avere molti giocatori con stipendi superiori ai tre milioni. La Roma punta su El Shaarawy, innanzitutto perché è stato l’attaccante più prolifico della stagione, ma anche perché la società di Pallotta crede nell’italo-egiziano e vorrebbe farlo diventare uno dei simboli della squadra. El Shaarawy inoltre è anche uno degli attaccanti italiani più famosi al mondo e anche per questo la sua maglia è una delle maglie più vendute, tra quelle della Roma, in Italia e all’estero.