C'è grande attesa per conoscere come si organizzerà la Juventus per il prossimo futuro in panchina e in campo. Tra le tante voci sul prossimo allenatore e i tanti calciatori che vengono accostati alla squadra campione d'Italia ci sarebbe una trattativa che riguarda il ruolo di "dodicesimo" visto che Mattia Perin vorrebbe nella stagione che porterà all’Europeo e la casella di secondo portiere come quest'anno gli va stretta: la Juve esaudirà il desiderio dell'ex Genoa di trovare maggiore spazio altrove e si è già mossa per un nuovo vice Szczesny che però non deve essere di livello inferiore al titolare. La squadra bianconera a sempre avuto le coppie di portieri importanti nelle ultime stagioni e, difatti, basta pensare a Neto, che arrivò da titolare della Fiorentina a fare la riserva di Buffon, e poi allo stesso Szczesny, che passò dall'essere titolare con la Roma a secondo dell'ex numero uno della Nazionale prima del divorzio e dell'approdo al PSG.

Il grande favorito per vestire la "12", secondo Tuttosport, è Pepe Reina, che nella stagione da poco conclusa è stato la riserva di Gigio Donnarumma nel Milan ma in Italia ha scritto pagine importanti con la squadra che è andata più vicina a interrompere il dominio bianconero in Serie A: ovvero il Napoli di Maurizio Sarri. Si tratta di un altro segnale preciso anche per quanto riguarda il futuro della panchina bianconera? Il tecnico napoletano vuole subito un suo uomo di fiducia nello spogliatoio per cercare di capire come si muove ed essere dentro le sue dinamiche? Può darsi ma potrebbe anche essere semplicemente una scelta dettata dall'esperienza del portiere spagnolo e il suo modo di essere leader, anche silenzioso, di squadre e gruppi importanti. Per questo ruolo, sempre secondo Tuttosport, sarebbe stato sondato anche Keylor Navas, che è in uscita dal Real Madrid, ma l'ingaggio di 4 milioni di euro non collima con le intenzioni del club bianconero.