Gioca nel Milan, ma il suo futuro è a Londra. Almeno per il momento: Tiémoué Bakayoko, centrocampista francese che sta disputando la stagione in rossonero è a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a giugno. Una formula che gli ha permesso di lasciare il Chelsea dove non trovava un posto da titolare e costruirsi una solida realtà all'interno della formazione di Gattuso. Proprio Gattuso non rinuncia più al titanico mediano tutto muscoli e grinta, tanto da schierarlo da titolare in 11 occasioni nelle ultime 12 uscite stagionali.

In totale Bakayoko ha collezionato 17 presenze con il Milan ma è solamente da un paio di mesi che è riuscito a scendere in campo garantendo una qualità e una quantità non solo gradita al tecnico ma funzionale alla squadra. I risultati lo dimostrano come le sue personali prestazioni. Un modo per dimostrare in modo concreto le proprie qualità e la volontà di continuare con il club rossonero.

La crescita di Bakayoko, il ruolo di Gattuso

L'operazione estiva aveva creato più di qualche perplessità. Le critiche a inizio stagione non avevano risparmiato il centrocampista francese, dichiaratamente in difficoltà nell'inserirsi tra gli schemi richiesti da Gattuso. Poi, la svolta: l'insistenza dell'allenatore e la capacità di adattarsi al ruolo richiesto fino a diventare piano piano insostituibile in mediana.

Gattuso è il tecnico perfetto per me: uomo diretto, franco, sincero. Non ha peli sulla lingua, non ti imbroglia. Può essere duro, ma le cose te le viene a dire in faccia e sempre per il tuo bene

Quanto costa il riscatto di Bakayoko

Bakayoko dovrebbe tornare a fine stagione a Londra. Il riscatto, economicamente parlando è difficile da esercitare per il Milan: l'accordo parla di una cifra importante, 35 milioni di euro per il riscatto definitivo. Troppo, tanto che il Milan ha già iniziato a discutere col Chelsea per scontare il più possibile. Forte anche della volontà del giocatore di restare a Milano: "L'atmosfera a San Siro è straordinaria. Il Milan è un club mitico: A chi non piacerebbe restare a lungo in un club come il Milan? Ma sono ancora sotto contratto per tre anni con il Chelsea, non posso decidere solamente io".