Dopo un inizio un po' balbettante il Milan sta facendo molto bene sia in campionato che in Europa e ora è atteso dal derby della Madonnina contro l'Inter di domenica alle ore 20:45. La situazione all'interno del gruppo di Gennaro Gattuso è buona ma c'è qualcuno che sta trovando meno spazio di quanto auspicato dopo il suo arrivo: si tratta di Tiémoué Bakayoko, arrivato in prestito oneroso (5 milioni di euro) con eventuale diritto di riscatto (fissato a 35 milioni di euro) dal Chelsea di Roman Abramović ma che non sta riuscendo a dimostrare il suo valore.

L’auspicio del club rossonero era quello di ritrovare il giocatore che nel 2016-2017 aveva offerto delle magnifiche prestazioni in Champions League con la maglia del Monaco, che avevano convinto il Chelsea ad investire 40 milioni di euro più bonus sul centrocampista originario della Costa d’Avorio, ma di quel calciatore non si è vista neanche l'ombra fino a questo momento. Bakayoko avrebbe consentito al Milan di cambiare modulo a gara in corso passando dal 4-3-3 al 4-2-3-1 o essere una valida alternativa per Gattuso ma l’operazione-recupero del numero 14 sembra essere naufragata. Da fine agosto ad ottobre il centrocampista francese ha totalizzato 82 minuti in Serie A distribuiti su 4 apparizioni totali (contro Napoli, Cagliari, Atalanta ed Empoli senza mai essere titolare) e 180’ in Europa League contro Dudelange ed Olympiacos.

Secondo quanto rivelato dall’edizione odierna del Mirror, Bakayoko sarebbe già sulla lista d’uscita della squadra rossonera nel corso della prossima sessione di mercato invernale e perché, secondo quanto scritto dal tabloid britannico, "Gattuso avrebbe suggerito che il giocatore non avrebbe la maturità richiesta per giocare nel suo centrocampo". Da uomo in più per la mediana a uomo con la valigia pronto: sarà questa l'escalation di Bakayoko?