Il Milan vuole piazzare almeno sei colpi sul mercato, due li ha già realizzati, adesso nel mirino c’è anche il difensore francese Upamecano, giocatore del Lipsia. La trattativa è stata avviata, ma c’è mistero sulla clausola rescissoria del classe 1998. Perché l’Equipe parla addirittura di 100 milioni di euro, mentre il Milan pensa (e spera) di sborsarne per lui una trentina.

Chi è Dayot Upamercano

Nato nell’ottobre del 1998, pochi mesi dopo il primo trionfo mondiale della Francia e due mesi prima del connazionale Mbappé, Upamecano ha letteralmente bruciato le tappe, quando ha sei anni inizia a giocare, quando ne ha 15 diventa del Valenciennes, nel 2015 viene acquistato dal Salisburgo, che dopo un anno di prestito lo riprende. Gioca una ventina di partite, vince un campionato prima di passare al Lipsia, un percorso classico. In Germania si mette in luce, gioca anche in Champions e in Europa League. Le presenze nell’ultimo anno non sono state tantissime a causa di un problema al ginocchio, ma il suo valore non si discute. Il Milan lo ha osservato da vicino nell’Europeo Under 21.

L’offerta del Milan al Lipsia e il mistero sulla clausola rescissoria di Upamecano

Il Milan crede in questo ragazzo ed è pronto a un investimento importante. I rossoneri sarebbero disposti a spendere 30-35 milioni di euro per Upamecano, che ha un contratto con il Lipsia fino al 2021. Ma secondo quanto riferito da ‘L’Equipe’ il centrale quando ha rinnovato il contratto nel 2017 ha detto sì anche a una clausola rescissoria elevatissima da 100 milioni di euro, che sarebbe stata cancellata in caso di mancata qualificazione alle coppe europee, ma il Lipsia giocherà la Champions anche l’anno prossimo. Adesso c’è da capire se questa clausola effettivamente esiste e se il club tedesco capita la voglia d’Italia di Upamecano decida di calare le sue pretese.