La Juventus sta rivalutando in queste ore il proprio mercato in uscita. Un problema al quale Paratici dovrà porvi rimedio. L'idea di fondo era di avere in rosa per Maurizio Sarri un attacco tutto nuovo: cristiano Ronaldo al centro del progetto e attorno al portoghese compagni di reparto diversi dai precedenti. Via Dybala, Higuain e Mandzukic, dentro i vari Lukaku e Icardi. Invece, ad oggi tutto è fermo, anzi: il club starebbe pensando di trattenere i giocatori già in rosa.

Da Dybala a Higuain, tutti i ‘no'

Per Paulo Dybala sono saltate le trattative con il Manchester United e il Tottenham (che aveva rilanciato sul Psg); per Higuain niente Roma con l'argentino che rigiutato per due volte la corte dei capitolini. Adesso alla lista si aggiunge anche Mario Mandzukic per il quale si era mosso lo United, vicinissimo all'intesa col croato, accordo frenato dalla stessa Juventus che non avrebbe al momento valide alternative.

La chiusura del mercato inglese (ore 18 italiane)

Le ore a disposizione per chiudere la trattativa sono sempre meno e difficilmente si riuscirà a trovare una soluzione all'ultimo, visto che il mercato inglese chiude i battenti questa sera (ore 18 italiane). Una soluzione improvvisa non è cosa gradita né alla Juventus né al giocatore stesso che vorrebbero maggiore tempo per poter limare gli ultimi spigoli dell'eventuale accordo.

La Juve gioca, Mandzukic segna

Intanto Mandzukic ha giocato regolarmente con i bianconeri e ha segnato un bel gol di testa nell’amichevole contro il Novara alla Continassa: uno stacco imperioso su cross di Cuadrado. Potrebbe essere stato l'ultimo con la maglia bianconera oppure l'inizio di una nuova avventura con Sarri. Ma in Inghilterra sono sicuri che qualcosa si muoverà entro questa sera.

L'accordo Mandzukic-United

Già la scorsa settimana si era parlato di un fortissimo avvicinamento tra Madzukic e il Manchester: secondo il Daily Mail il club inglese aveva trovato l'accordo con l’attaccante della Juventus, pronto a siglare un contratto triennale da 6,5 milioni a stagione con il lasciapassare di Solskjaer. Oggi, senza Lukaku, il croato appare la scelta più ovvia per l'attacco dei red devils ma è la Juve, senza alternative, a prendere tempo.