Per Romelu Lukaku e l'Inter oramai sembra davvero questione di ore: il belga è sempre più vicino ai nerazzurri stando alle ultime notizie di calciomercato che riguardano la nuova squadra di Antonio Conte. Un attaccante che dovrebbe prendere il posto di Mauro Icardi, sempre più isolato, per il quale si sta definendo l'offerta finale.

Ci sarà un'offerta concreta al Manchester United, un primo ‘assaggio' per capire quale sia l'intenzione reale del club inglese visto che con Lukaku si è già raggiunto un accordo di massima. L'Inter metterà sul piatto 70 milioni di euro, una cifra più bassa rispetto alla richiesta iniziale dei diavoli rossi (89 milioni di euro).

Lukaku e United ai saluti

Conte lo ha sempre indicato come elemento fondamentale per l'attacco nerazzurro: Romelu Lukaku, nazionale belga, ha deciso di accettare l'offerta nerazzurra e ha chiesto allo United di potersi liberare. Ovviamente, non rientrando più nei piani di Solskjaer, il club inglese acconsentirà ma non ha intenzione di fare sconti: due stagioni fa pagò il giocatore 90 milioni all'Everton.

La proposta dell'Inter, prestito biennale

Tuttavia, da parte dello United c'è anche la necessità di liberarsi di un giocatore ‘scomodo' il prima possibile e l'offerta interista verrà presa in considerazione: 70 milioni di euro complessivi per una formula che vedrebbe il belga arrivare a Milano in prestito, biennale. Poi ci sarà il diritto di riscatto finale, il punto è capire quanti soldi subito dovranno essere girati in Inghilterra.

Dzeko e Sensi, affari in corso

Tra gli altri arrivi, definito oramai l'acquisto di Lazaro, si lavora sempre sul doppio fronte Dzeko – Sensi. Per il centrocampista del Sassuolo mancano solo i dettagli, con la contropartita tecnica già individuata nel giovane Gravillon. Per l'attaccante bosniaco è tutto in stand-by, con la Roma che non ha fretta e guarda altrove.