Quale sarà il futuro di Alvaro Morata? Con quale squadra giocherà l’attaccante spagnolo? Resterà all’Atletico Madrid? O tornerà al Chelsea? L’unica certezza in questo momento è che il club spagnolo vuole acquistarlo a titolo definitivo. Per farlo i ‘Colchoneros’ devono sborsare 16 milioni di euro, ma il Chelsea potrebbe decidere di riprendersi il calciatore, soprattutto perché non avrà la possibilità di fare mercato nelle prossime due sessioni.

L’offerta dell’Atletico Madrid per Morata

Il Cholo Simeone è pienamente soddisfatto delle prestazioni di Morata e pensa di poter fondare l’attacco dell’Atletico sull’ex di Juve e Real Madrid, Diego Costa è in uscita e pure Griezmann potrebbe andare via, si parla del Barcellona per il francese (e non è la prima volta). Morata ha giocato 16 partite, 13 dal primo minuto, ha realizzato 6 gol. Morata voleva tornare in patria e per farlo si è anche ridotto in modo cospicuo lo stipendio. L’Atletico Madrid, secondo quanto riferisce goal.com, può chiudere la trattativa a titolo definitivo con 16 milioni di euro. L’accordo stabilito lo scorso gennaio prevede che l’Atletico paghi (complessivamente) una parte degli 80 milioni spesi dal Chelsea per Morata nell’estate del 2017.

Perché il Chelsea può riprendersi Alvaro Morata

Alvaro Morata a Londra non si è ambientato, lo ha detto spesso e ha deciso di andare via, anche senza lasciare troppi rimpianti. Il Chelsea però ha la possibilità di poter esercitare il diritto di riscatto entro il 15 luglio. E la possibilità che i Blues lo riprendano non è remota. Perché il primo ricorso del Chelsea contro il blocco del mercato per la stagione 2019-2020 è stato respinto. Ciò significa che la società di Abramovich non può acquistare nessuno né in estate né a gennaio, ma può riportare alla base i giocatori che sono sparsi in prestito in giro per l’Europa, Morata tra questi è il più forte, tra gli altri ci sono anche Ola Aina, Boga e Batshuayi.