Forse resterà in Spagna, forse tornerà in Inghilterra: per Philippe Coutinho il futuro è una nebulosa ancora lontana dal diradarsi. In Liga col Barcellona sta vivendo di molti alti e bassi, con la squadra leader indiscussa in campionato e in corsa per un posto al sole in Champions ma con il brasiliano che fatica a ritagliarsi un posto fisso all'interno delle scelte di Valverde.

L'ultima partita è stata positiva: Coutinho è stato fra i protagonisti della vittoria dei blaugrana sull'Atletico Madrid ( 2-0 con i gol di Suarez e Messi) sul terreno del Camp Nou, una gara fondamentale per l'avvicinamento al prossimo titolo, oramai ad un passo. Eppure, qualcosa ancora non frena le voci di mercato per la prossima estate che lui rimanda al mittente.

Voglia di Liga, la Premier può attendere

Parlando al Sunday Mirror, lo stesso Coutinho ha chiarito che non pensa in futuro di lasciare la Catalogna, nonostante il rendimento altalenante degli ultimi mesi. Il presente e il futuro calcistico è in Liga, al Barcellona, almeno per ciò che lo riguarda da vicino: "La mia concentrazione è tutta al Barcellona, non è nei miei piani tornare in Premier League. Questa è la mia seconda stagione nel Barcellona, ho vinto già dei trofei, ma voglio di più" ha detto il brasiliano.

Obiettivo Champions League

Il chiaro riferimento è all'Europa e alla Champions League, nella quale il Barça è in piena corsa per la finale di Madrid. Nei quarti del torneo continentale i catalani saranno impegnati contro il Manchester United, un match delicato e insidioso ma partono comunque da favoriti. Il campione brasiliano dovrà dimostrare di essere decisivo.

Quanto è costato e come sta giocando nel Barcellona

Nel gennaio 2018 i campioni di Spagna hanno sborsato più di 140 milioni di euro per metterlo a fianco di Lionel Messi e Luis Suarez ma ancora non ha reso a sufficienza: 4 gol in 27 partite nella Liga (nessun gol da metà ottobre), 2 reti in 8 gare in Champions e 3 centri in 6 apparizioni in Coppa del Re.