L'Atalanta si appresta ad affrontare la prossima Champions League con il piglio di chi vuole fare le cose per bene e non lasciare nulla di intentato. Così, dopo aver ottenuto la conferma da parte di Gasperini nel guidare la squadra anche per il futuro declinando offerte più vantaggiose (la Roma in primis) il presidente Percassi sta tenendo fede alle promesse: un mercato da protagonisti.

Da Bergamo non si sono mossi i big e si stanno confermando molti dei giocatori che hanno fatto diventare grande l'Atalanta. Altri, invece, sono arrivati e stanno arrivando per consegnare al tecnico una rosa di primo livello. C'è euforia nell'ambiente della Dea anche per la notizia oramai ufficializzata: Mario Pasalic resterà in nerazzurro.

L'attacco dell'Atalanta per affrontare la Champions: ecco tutti i nomi

Mario Pasalic ha giocato l'ultima stagione di Serie A in prestito dal Chelsea con diritto di riscatto e non tornerà a Londra ma resterà ancora un altro anno a Bergamo. Pasalic va a completare quello che oggi è davvero un attacco di formato europeo con Gomez, Zapata, Ilicic e Muriel. Luca Percassi, amministratore delegato della Dea, intervenuto alla cerimonia di presentazione delle nuove maglie non ha nascosto l'entusiasmo: "Con Pasalic e Muriel abbiamo centrato due colpi fondamentali. Con il colombiano abbiamo aggiunto un attaccante straordinario a un reparto che era già straordinario di suo, siamo poi felicissimi che Pasalic resti con noi perchè è un giocatore importantissimo".

Chi è Mario Pasalic, riconfermato nella rosa dell'Atalanta

Pasalic con Gasperini ha trovato la quadratura in campo riuscendo ad esprimersi ad altissimi livelli:  8 gol in 42 presenze per una stagione che è culminata col terzo posto. Pasalic è stato fondamentale all'interno delle dinamiche offensive anche per dare fiato a Ilicic e Gomez nel momento del bisogno. Un innesto importante, ma non l'ultimo: "Stiamo alla finestra cercando di cogliere le opportunita' che si presenteranno".

Tra Champions e lo stadio ristrutturato

A Bergamo l'attesa crescente per la prima volta in Champions League, un traguardo storico da onorare al meglio delle proprie possibilità, in attesa anche che vengano ultimati i lavori allo stadio: ‘‘Sarà una stagione entusiasmante che ci farà crescere ulteriormente: è un orgoglio – ha continuato Luca percassi – vedere la capacità di lavoro di tutti"