Un tribunale turco ha accettato di aprire un procedimento legale nei confronti del difensore del Besiktas, Caner Erkin, per gli insulti che ha diretto all'arbitro Mete Kalvakan lo scorso 23 ottobre. Durante la partita contro il Basaksehir, dove giocano l’ex napoletano Gokhan Inler e l’ex interista Emre Belozoglu, il terzino turco è stato ammonito e, dopo aver ricevuto il cartellino giallo, avrebbe insultato l'arbitro ripetutamente tanto da farsi espellere. L'azione è stata denunciata alla giustizia e ora l'ex meteora dell'Inter dovrà rispondere davanti al giudice del suo comportamento: rischia due anni di carcere. Nei prossimi giorni Erkin dovrà comparire in tribunale per difendere sua la posizione e dimostrare la sua innocenza: il calciatore turco sta provando con ogni mezzo a negare di aver insultato l'arbitro ma l'attenzione verso la sua posizione è molto alta.

Oltre a tutto questo, il fatto che questo comportamento sia stato portato davanti in un tribunale ordinario ha provocato un'ondata di critiche in Turchia, soprattutto da parte dei tifosi del Besiktas che hanno subito puntato il dito contro la ‘mano nera' del governo e di Erdogan, tifoso del Galatasaray, che avrebbero cercato destabilizzare l'ambiente nella corsa al titolo della Super Lig. Sui social network la protesta è veemente.

Intanto domani sera il Besiktas affronterà nuovamente il Bayern Monaco nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League ma, dopo la pesante sconfitta per 5-0 nella sfida di andata, non ci sono speranze di passare il turno: per questo motivo già si pensa già alla prossima giornata di campionato che, ironia della sorte, metterà il Basiktas di fronte al Basaksehir mentre i giallorossi del Galatasaray giocheranno un derby assai delicato con il Fenerbahce. Sfide infuocate per un campionato mai banale come quello turco.