Revolution. Sulle note del successo dei Fabulous Four – i Beatles di Liverpool e i quattro gol presi ad Anfield Road – il Barcellona è uscito dalla Champions. Soundtrack amara, che scandisce anche le prossime decisioni. Dal tecnico, Ernesto Valverde, alla rosa potrebbero esserci a breve molte novità in casa blaugrana. La mazzata presa con l'eliminazione dalla Coppa dopo aver subito una rimonta pazzesca ha rimesso tutto in discussione: è accaduta per il secondo anno consecutivo e non basta il balsamo della conquista della Liga né il miraggio della Coppa del Re per lenire la grande delusione. Serve cambiare e ripartire, rimettere a posto tutti gli ingranaggi perché quel meccanismo perfetto che s'è inceppato quasi sulla linea del traguardo riprenda la marcia. Ed è in questa ottica – come rilanciato da Mundo Deportivo – che la dirigenza s'è messa all'opera per la stagione 2019/2020.

La bocciatura che più fa discutere è quella relativa a Philipe Coutinho. S'è rivelato l'acquisto più deludente (a altrettanto costoso) nella storia dei catalani: 120 milioni di euro (più 40 di bonus) per strapparlo al Liverpool, una somma altissima a fronte del rendimento e dei risultati ottenuti con l'ex dei Reds. I fischi dei tifosi – che Messi ha provato a zittire facendo appello all'unità d'intenti – hanno fatto il paio con la prestazione opaca in Inghilterra. Non sono state risparmiate critiche alla Pulce, perché non dovrebbero mettere nel mirino proprio il brasiliano?

  • Pur avendo un buon mercato in Premier, è difficile che il calciatore possa cederlo a cifre simili a quelle dell'ingaggio… al momento l'intenzione è provare a venderlo per non meno di 90 milioni, una somma che permetterebbe di arginare una pesante minus-valenza a fronte di un contratto in essere fino al 2023. Oltre a Coutinho sono anche altri 3 i nomi che appaiono nella casella delle possibili cessioni: Umtiti, Malcom e Rafinha non hanno mai convinto abbastanza per diverse ragioni.
  • Attenzione alla posizione di Ivan Rakitic, altro nome inseritoo nell'elenco dei possibili partenti. Quanto costa? Oiace a Inter e Paris Saint-Germain ma occorrono 125 milioni di euro per convincere il Barcellona a privarsi di lui.

Chi può arrivare? Già preso De Jong (come confermato dall'ex portiere Van der Saar) che sarà alternativo a Busquets e rappresenta il futuro della mediana, sul taccuino dei catalani c'è anche un altro nome dei ‘lancieriì: si tratta di De Ligt che "può andare a giocare in Spagna o in Inghilterra", ha aggiunto il dirigente olandese. Il sogno? Sempre lo stesso: avere Griezmann, ipotesi diffiicle da realizzare se non mettendo sul piatto 130 milioni di euro.