Non giocherà il Gamper (parte dalla panchina) l'oramai classica sfida pre campionato che si disputa ogni estate al Camp Nou con di scena il Barcellona in questa edizione 2019 contro l'Arsenal), ma Leo Messi è sceso comunque in campo, prima del match con il microfono in mano e la coglia di gridare al proprio pubblico che questo Barça anche la prossima stagione sarà assoluto protagonista, con lui con i giocatori che la società ha deciso di acquistare o trattenere e con il tecnico Valverde, sicuro alla guida del gruppo.

Un discorso motivazionale da vero capitano, che nulla dimentica per esaltare il popolo azulgrana. In un Camp Nou gremito, Leo Messi compie al meglio il suo ruolo da leader non solo con la palla ai piedi ma anche per mentalità e desiderio di vittoria. Lui che di successi ne ha ottenuti tantissimi sia a livello personale che di gruppo, rilancia la sfida, in Liga e in Champions League.

Il discorso di Messi ai tifosi

La verità è che è difficile dire qualcosa oggi dopo la scorsa stagione. Non mi pento di nulla. Ripeto la stessa cosa che ho detto la scorsa stagione. Confido in questa squadra, in questi giocatori e in questo staff tecnico e non ho dubbi che insieme combatteremo di nuovo per tutto. La scorsa stagione è stata amara per come è successo, ma dobbiamo festeggiare la Liga che abbiamo vinto. L'ottava Liga in 11 anni! Che in qualsiasi altro club sarebbe fantastico. Forse il coraggio non è dato ma questo club combatte sempre per tutto. Quest'anno non sarà diverso. Siamo con rinnovate illusioni e spero che tu arrivi allo stesso modo. Viva il Barça e Viva la Catalunya !

Un discorso breve ma intenso, interrotto in un paio di occasioni dagli applausi scroscianti dagli spalti. Per Messi, l'impegno – come per tutto il Barcellona – di ripetersi in campionato ma soprattutto in Europa, in Champions League dove è arrivata la delusione più cocente dell'anno.