L'esonero è dietro l'angolo. La sconfitta e l'eliminazione subite dal Barcellona ad Anfield calano (quasi) il sipario sull'esperienza di Ernesto Valverde alla guida dei blaugrana. "Non so che effetti avrà su di me tutto questo", ha ammesso in conferenza stampa l'allenatore basco, consapevole che dopo uno smacco del genere gli può accadere di tutto, anche ritrovarsi licenziato nelle prossime ore. A caldo, il presidente Josep Maria Bartomeu ha preferito non andare oltre un "saranno giorni difficili per tutti, ma dobbiamo alzare la testa" ma la delusione palpabile del massimo dirigente sembra il preludio di altro…

Valverde rischia il licenziamento

Ci sarà il cambio in panchina oppure verrà concessa un'altra chance all'allenatore? Se ne saprà di più nelle prossime ore ma, allo stato dei fatti, le azioni del tecnico attuale sono in netto ribasso considerato un altro particolare: ha il contratto fino al 2020, scadenza abbastanza vicina che lo tiene sulla graticola.

Ora siamo tutti scossi per l'eliminazione – le parole del massimo dirigente dei catalani ai microfoni dei media iberici -. Dobbiamo farci forza perché c'è ancora finale di Coppa del Re da giocare. Saranno giorni difficili per tutti, ma dobbiamo alzare la testa.

Le parole di Bartomeu sul futuro di Valverde

Le frasi che hanno destato maggiore attenzione sono quelle relative al futuro del tecnico, Valverde. Una situazione tutt'altro che stabile soprattutto alla luce di quanto accaduto a Liverpool. La prestazione, oltre alla sconfitta, hanno messo inevitabilmente l'allenatore sul banco degli imputati nonostante le colpe non siano solo sue.

Ci sarà tempo per riflettere com maggiore calma rispetto a oggi. Per il secondo anno consecutivo siamo reduci da una notte disastrosa – ha aggiunto Bartomeu, con riferimento a quanto accadde all'Olimpico contro la Roma. Ma sicuramente l'allenatore deve assumersi la responsabilità – gli ha fatto eco lo stesso Valverde.