41 CONDIVISIONI

Balotelli in lacrime a Napoli, il Milan: “Nessun razzismo, motivi privati” (video)

Giuseppe Sapienza, responsabile comunicazione del Milan, è intervenuto su ‘il Napolista’ per spiegare la vicenda.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Giuseppe Cozzolino
41 CONDIVISIONI
il pianto di supermario

Altro che razzismo. A rompere gli indugi sulla vicenda delle lacrime di Mario Balotelli durante Napoli-Milan, immagini che hanno fatto subito il giro del mondo e che, avevano azzardato alcuni siti internet stranieri, sarebbero state causate da presunti cori razzisti (che nessuno ha percepito e il Napoli ha smentito, ndr), è stato Giuseppe Sapienza, il responsabile della comunicazione del Milan. Sapienza, infatti, raggiunto da ‘il Napolista', ha spiegato bene la vicenda, smentendo del tutto la ricostruzione fantasiosa su cori razzisti, spiegando invece la vera origine del pianto: "I motivi che hanno indotto Balotelli a piangere sono strettamente privati. Tutti sanno che il razzismo non c’entra. Poiché con Balotelli si forza sempre la mano, abbiamo scelto di non dare ulteriori spiegazioni. Non siamo tenuti a dire altro. Tutti sanno che a Napoli non ci sono stati cori razzisti, se ci fossero stati sarebbero stati annotati dalla Procura federale. Non ci possiamo fare carico di quel che dicono altri, in altre parti del mondo. Noi abbiamo scelto la strada del silenzio".

41 CONDIVISIONI
I tifosi del Milan sfottono quelli del Napoli con le canzoni di Geolier. Poi sfociano nel razzismo
I tifosi del Milan sfottono quelli del Napoli con le canzoni di Geolier. Poi sfociano nel razzismo
Londra ha tante squadre di calcio, ma nessuna ha Londra nel nome: il motivo di questo caso unico
Londra ha tante squadre di calcio, ma nessuna ha Londra nel nome: il motivo di questo caso unico
L'agente di Thiago Motta butta veleno sul Napoli: "Nessuno vuole andare ad allenarlo"
L'agente di Thiago Motta butta veleno sul Napoli: "Nessuno vuole andare ad allenarlo"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni