22 Marzo 2019
17:05

Bale, nostalgia di CR7: “È un campione incredibile, divertente giocare con lui”

L’attaccante gallese del Real Madrid ha elogiato il suo ex compagno Cristiano Ronaldo e ha smentito le voci di un rapporto difficile ai tempi del Bernabeu: “Non abbiamo mai avuto problemi, mi è sempre piaciuto giocare con lui e penso sia ancora un giocatore incredibile. I media hanno gonfiato un problema che non c’è mai stato”. Bale ha parlato della sua esperienza inglese e ha fatto una dichiarazione che potrà far arrabbiare i suoi ex tifosi: “Sempre grato al Tottenham. Mi piaceva vede l’Arsenal Henry e Bergkamp”.
A cura di Vito Lamorte

Cristiano è un giocatore incredibile, mi sono divertito moltissimo a giocare con lui. La stampa ha cercato di dare risalto a presunti problemi che non abbiamo avuto, ci trovavamo benissimo insieme, è un campione e continuiamo a sentirci.

Sono queste le parole che ha utilizzato Gareth Bale per descrivere il suo ex compagno di squadra Cristiano Ronaldo al Real Madrid. In un'intervista rilasciata a BT Sport il gallese ha parlato del suo rapporto con l'attaccante della Juventus quando erano compagni di squadra alla Casa Blanca, visto che spesso erano visti in contrapposizione all'interno dello spogliatoio. Nel periodo che i due sono stati partner d'attacco al Santiago Bernabeu le parole dell’agente del gallese, Jonathan Barnett, che ha spesso puntato il dito contro Ronaldo, non hanno aiutato ad alleggerire i rumors sul rapporto tra i due giocatori ma Bale, con un pizzico di nostalgia, ha dichiarato: "Ovviamente, le testate giornalistiche hanno provato a ingigantire un problema che non c’è mai stato. Siamo sempre andati molto d'accordo. Lui è un giocatore incredibile e lo è ancora".

Bale: Grato al Tottenham. Mi piaceva vedere l'Arsenal

Gareth Bale non ha parlato solo di Cristiano Ronaldo ma si è soffermato anche sul suo trasferimento al Real Madrid, sul Tottenham e sulla sua ammirazione per due calciatori non propri vicini ai colori degli Spurs come Thierry Henry e David Bergkamp:

Sono sempre stato grato al Tottenham per tutto quello che mi ha dato, un club che continuo ad amare, ma quando ti chiama una società grande come il Real è difficile rifiutare. Quello che sto per dire non piacerà ai tifosi degli Spurs, ma mi piaceva vedere le partite dell'Arsenal e godermi campioni come Henry e Bergkamp. Ho ammirato anche Ryan Giggs, ovviamente essendo un mancino e gallese come me lo amavo particolarmente, da bambino sognavo di diventare come lui, era il mio idolo e adesso è il mio commissario tecnico.

Spalletti spiega perché ha deciso di lasciare il Napoli:
Spalletti spiega perché ha deciso di lasciare il Napoli: "È un atto d'amore, ho dato tutto"
Il Barcellona vince la Liga, ma finisce malissimo: la festa diventa una feroce caccia all'uomo
Il Barcellona vince la Liga, ma finisce malissimo: la festa diventa una feroce caccia all'uomo
A Stoccolma una pioggia di fumogeni ferma il derby, poi scoppia il finimondo in campo
A Stoccolma una pioggia di fumogeni ferma il derby, poi scoppia il finimondo in campo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni