La maledizione del calcio di rigore in pieno recupero ha colpito ancora Gigi Buffon e lo ha cancellato dalla Coppa proprio quando il passaggio del turno sembrava in pugno, proprio quando lo scoglio degli ottavi sembrava superato a dispetto di quanto accaduto nelle stagioni precedenti. Lo psico-dramma del Paris Saint-Germain è scritto nel risultato (incredibile) di 3-1 del Manchester United, che sbanca Parigi e ribalta lo 0-2 subito a Old Trafford conquistando la qualificazione ai quarti di finale di Champions. Parco dei Principi ammutolito, incredulo, distrutto da quel finale shock che ha rovinato tutto. Un film già visto, accadde la stessa cosa nel 2017 in occasione di quel tremendo (e contestato) 6-1 incassato dai francesi a Barcellona dopo il 4-0 rifilato ai catalani in Francia.

Il fantasma del rigore nel recupero come a Madrid

Che botta per l'ex portiere della Juventus e della Nazionale che sperava di festeggiare con la notizia dell'intesa raggiunta sul rinnovo del contratto. A rovinare tutto è di nuovo un arbitro che al posto del cuore ha un bidone dell'immondizia (così urlo nei microfoni nella scorsa edizione della Champions contestando la decisione del direttore di gara di assegnare un penalty nel recupero al Real Madrid). Penalty assegnato col Var e trasformato con freddezza da Rashford.

Gigi, che combini? Errore in occasione del raddoppio

Eppure sia per il risultato maturato in Inghilterra (2-0 in favore dei transalpini) sia per la situazione di estrema emergenza del Manchester United (con gli uomini contati e costretto a portare in panchina molti ragazzi del settore giovanile) il match sembra già scritto. L'orgoglio inglese e la sicumera dei francesi invece hanno cambiato il finale della storia… Il Psg si sente forte, i Red Devils trovano 2 gol nel primo tempo grazie a due errori individuali (il primo di Kehrer, il secondo di Buffon) compensati inizialmente dal pareggio di Bernat. Succede tutto nella prima mezz'ora. Un botta e risposta (1-2) che lascia la qualificazione ancora nelle mani dei padroni di casa.

Rashford implacabile dal dischetto

Lo psico-dramma avviene nel finale, quando in pieno recupero Kimpembe commette un fallo di mano e l'arbitro – con l'ausilio della tecnologia – decreta il calcio di rigore. Diavoli rossi in paradiso, Psg all'inferno. Ancora una volta per colpa propria.