La prima cosa che Massimiliano Allegri ha pensato dopo la sconfitta interna in Serie A contro la Lazio è stata senza dubbio "per fortuna c'è la Champions". Già perché Juventus-Sporting Lisbona in programma mercoledì sera (ore 20.45 e diretta esclusiva in tv su Mediaset Premium), offre ai bianconeri la possibilità di riscattarsi subito dopo il mezzo passo falso con l'Atalanta e il tonfo contro la formazione di Inzaghi. Il tecnico nella classica conferenza stampa della vigilia ha parlato innanzitutto dell'aria che si respira in casa Juve, dopo il periodo no.

Juve, vietato deprimersi dopo la sconfitta contro la Lazio.

Massimiliano Allegri ha prima di tutto fatto il punto sullo stato d'animo del gruppo dopo gli ultimi risultati deludenti e alla vigilia di Juve-Sporting di Champions: "L'atmosfera? E' buona. Qui deve regnare l'equilibrio, non possiamo deprimerci per il pari di Bergamo e la sconfitta interna con la Lazio, Nel calcio ci sono momenti in cui le cose vanno bene e altri meno bene, bisogna lavorare sugli errori commessi che sono di attenzione e gestione della partita come è successo negli otto minuti con la Lazio.

Napoli super ma i conti si fanno a marzo. Allegri fiducioso.

Il tecnico pur rimpiangendo i 5 punti persi tra Atalanta e Lazio, è soddisfatto dell'avvio di stagione della sua Juventus che ha tutte le carte in regola per riprendere un Napoli in grande spolvero: "Abbiamo fatto un buon inizio di stagione, il Napoli sta facendo qualcosa di grande con le 8 vittorie su 8 partite e merita di essere in testa al campionato. La Juventus deve essere pronta a ribattere colpo su colpo per farsi trovare pronta nel momento più bello della stagione che sono le ultime 5 partite"

Contro lo Sporting nessuna novità clamorosa.

Nel mirino della critica dopo Juve-Lazio, anche alcune scelte dell'allenatore che però rifarebbe tutto, e soprattutto non stravolgerà la squadra contro lo Sporting: "Le scelte anti-Lazio? Le rifarei. Bentancur doveva giocare per forza, non ci sono alternative. Non ho nulla da rimproverarmi. Abbiamo sbagliato l’approccio a inizio secondo tempo. Dobbiamo migliorare nella sicurezza che in qualsiasi momento della partita dobbiamo avere continuando a giocare con rapidità ma anche con lucidità, invece con la Lazio abbiamo avuto dei momenti in cui abbiamo fatto confusione per fretta perché abbiamo preso due schiaffi che non ci aspettavamo. Quando ti fanno gol non è che finisce la partita, dobbiamo migliorare su questo. Fa parte di una partita che l'avversario ti crei delle problematiche, dobbiamo gestirla al meglio.

Juve, decisiva la doppia sfida contro i portoghesi.

Concentrazione massima dunque in Juventus-Sporting Lisbona per una doppia sfida da vincere assolutamente. Un confronto che è già decisivo ai fini della qualificazione: "Con lo Sporting ci vorrà molta testa e pazienza, sappiamo che in queste due partite abbiamo l'opportunità di passare il turno altrimenti dobbiamo aspettare Barcellona e Olympiacos. L'importante è domani, una partita complicata perché loro difendono molto bene e hanno un allenatore molto bravo in queste partite come si è visto col Barcellona con cui hanno giocato una grande gara. Non sono preoccupato per la partita però dobbiamo avere rispetto dello Sporting, Jesus non concede niente, ecco perché dobbiamo fare una grande partita sotto l'aspetto tecnico e mentale perché lo Sporting è una squadra che si difende molto bene".

Dybala ancora rigorista, la conferma di Allegri.

Una battuta anche sul momento di Dybala, non felice dopo l'impressionante avvio di stagione. Il doppio rigore fallito con Atalanta e Lazio non cambiano l'opinione di Allegri che predica equlibrio nei giudizi e conferma La Joya come rigorista: "Dybala è un giocatore straordinario, è sereno: dopo le prime giornate l'avete paragonato a Messi, ma non deve esaltarsi per un gol o deprimersi per due rigori sbagliati. Abbiamo parlato ieri, normale che debba trovare equilibrio. Sta facendo un percorso di crescita, aver sbagliato due rigori lo fortificherà. Fa parte del calcio, sta bene fisicamente ed è tornato carico dall'Argentina anche se non ha giocato".

Le scelte di Allegri per Juve-Sporting, torna Pjanic.

A proposito di scelte di formazione in vista di Juventus-Sporting, le buone notizie per Allegri arrivano soprattutto dal ritorno in campo di Pjanic. Il centrocampista ha recuperato dall'infortunio che gli ha impedito di scendere in campo negli ultimi match: "Pjanic è recuperato, è pronto. Non so ancora chi gioca davanti, ci sono ancora due allenamenti, può darsi che ci saranno cambiamenti. Pjanic e Khedira sono recuperati, ancora out Marchisio Howedes, Pjaca e De Sciglio".

Le probabili formazioni di Juve-Sporting.

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Sturaro, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain.
SPORTING CLUB (4-2-3-1): Rui Patricio; Piccini, Coates, Mathieu, Coentrao; William Carvalho, Battaglia; Martins, Bruno Fernandes, Acuna; Dost.