Adriano Leite Ribeiro, per i tifosi dell'Inter e gli appassionati della Seleçao era (ed è, per alcuni ancor) l'Imperatore del gol. Da quando ha lasciato l'attività agonistica dell'ex attaccante carioca si ha notizia solo per vicende extra-calcistiche: dalle presunte relazioni amorose durate un battito di ciglia al nuovo taglio di barba fino alle feste costose e molto speciali, comprese foto compromettenti che lo mostrano accanto a personaggi poco raccomandabili. In Sudamerica, però, adottano altri termini per definire le compagnie che l'ex calciatore sceglie… questa volta è il quotidiano popolare di Rio de Janeiro, ‘Meia Hora', a realizzare lo scoop che ha acceso di nuovo i riflettori sulla vita privata di Adriano.

La foto di Adriano con il boss del narcotraffico.

L'ex stella del calcio verde-oro appare sulla copertina del giornale abbracciato a Rogerio Avelino da Silva, detto Rogerio 157. Cosa c'è di male? La persona al fianco di Adriano è uno dei narcotrafficanti più ricercati del paese e ‘signore' de La Rocinha – la favela più grande della metropoli carioca -. "Che Dio perdoni queste persone cattive – recita il titolo di ‘Meia Hora', mentre nel sommario si fa riferimento al compagno di foto -. Il narcotrafficante Rogerio 157, attuale imperatore della Rocinha, possa al fianco di un amico".

Adriano su Instagram: "Sono un personaggio pubblico"

L'amico in questione è l'ex nerazzurro che ha subito voluto replicare alla notizia divulgata dai media. In un video pubblicato sul proprio profilo Instagram Adriano s'è difeso minacciando querele nei confronti di quanti abbiano diffuso news fasulle che lo riguardano speculando sulla sua vita o sulle sue amicizie, frequentazioni che l'ex calciatore ha spiegato così: "Sono un personaggio pubblico, faccio le foto con chi voglio – afferma -. Che cattiveria è questa? Ma questa storia non finisce qui. Adesso mi sono scocciato, vi perdono ma non la passerete liscia perché ho intenzione di denunciarvi tutti".

on