Si respira già aria di derby in casa Inter, per ora in ottica mercato. Già perché i nerazzurri, vogliono rispondere con un super colpo al mercato da record del Milan impreziosito dall'inaspettato acquisto di Leonardo Bonucci. E il profilo giusto per far sognare i tifosi potrebbe essere quello di un altro celebre ex Juventus, ovvero Arturo Vidal. A fare il punto della situazione di mercato in casa nerazzurra, sul cileno e su gli altri obiettivi ci ha pensato Walter Sabatini, ovvero il coordinatore tecnico di Suning Sports, alla sua prima uscita pubblica dopo il nuovo incarico

Vidal nel calciomercato dell'Inter. Sabatini conferma: "Ci piace molto"

Il sogno dell'Inter è Arturo Vidal. Il mediano del Bayern e della nazionale cilena ha le caratteristiche perfette per far fare il salto di qualità al centrocampo nerazzurro già rinforzatosi con Borja Valero. Potrebbe essere lui il colpaccio di mercato anti-Milan. Sabatini direttamente dal ritiro di Riscone ha confermato il gradimento del giocatore: "Vidal? E’ un profilo da Inter e ci piace molto. Proveremo a capire se ci possono essere i presupposti per prenderlo, ma non c’è trattativa e non credo che il Bayern Monaco voglia privarsene".

Le difficoltà dell'operazione Vidal per l'Inter.

Un'ipotesi di mercato tanto intrigante quanto difficile quella legata a Vidal per l'Inter. Il Bayern innanzitutto non ha alcuna intenzione di privarsi di un centrocampista per il quale Ancelotti stravede, con un contratto fino al 2019. E' lui il perno della mediana della squadra che nella prossima stagione, senza Xabi Alonso, proverà a vincere tutto. Non bisogna dimenticare poi che anche il calciatore dal canto suo non vuole lasciare la Baviera, soprattutto per l'Inter. Vidal ha infatti più volte ribadito in patria di non voler fare un torto alla Juventus, che nel suo cuore ha lasciato un segno indelebile.

Un big per l'Inter per rispondere al calciomercato del Milan.

L'Inter dunque nelle prossime settimane opererà sul mercato, anche per rispondere al Milan. Una campagna acquisti super quella dei rossoneri, con i quali Sabatini si è complimentato. Nessun timore però in casa nerazzurra, dove è già pronta la strategia per le prossime trattative: "Ammiro quello che stanno facendo i dirigenti rossoneri – riporta il "Corriere dello Sport"  – perché vanno su obiettivi di qualità, ma il Milannon è il nostro modello sul mercato. Il Milan ha ribaltato la sua rosa, mentre noi abbiamo fatto un'altra scelta ovvero integrare un organico che lo scorso anno ha dimostrato di essere competitivo. Stiamo riselezionando il gruppo in base ai segnali che Spalletti riceve in questi giorni, ma sappiamo come agire, abbiamo una strategia condivisa e grandi dirigenti come Ausilio e Gardini".

L'Inter scarica Nainggolan: "Operazione quai impossibile"

Se l'Inter aspetta alla finestra spiragli per Vidal, sono ridotte davvero al lumicino le possibilità di vedere in nerazzurro Nainggolan, altro pallino di mister Spalletti. Il "ninja" era in cima alla lista degli uomini mercato della formazione del capoluogo lombardo, ma al momento i margini per un suo approdo sono davvero minimi, come confermato da Sabatini: "Nainggolan è un grande giocatore che è sempre nella mia testa. E’ una possibilità molto importante per l’Inter, ma la ritengo un’operazione quasi impossibile. Se non ci sarà il rinnovo con la Roma ci proveremo perché mi piacerebbe portarlo qui.

Perisic in uscita dall'Inter.

Sul fronte delle uscite intanto continua a tenere banco il futuro di Perisic, per il quale lo United è ormai alla stretta finale. Il calciatore ha lasciato il ritiro dell'Inter e nelle prossime ore potrebbe perciò arrivare la fumata bianca. Quello che è certo è che l'affare si chiuderà solo alle cifre chieste dall'Inter: "Deve restare chi ha le giuste motivazioni. Lo United è fortemente interessato. Loro conoscono la nostra idea, vedremo nei prossimi giorni cosa accadrà. Siamo noi a decidere il prezzo dei giocatori. Partirebbe solamente se ci fosse la giusta offerta, con contropartite non solo economiche sufficienti per noi. Spalletti è formidabile in tantissime cose, anche nel trasferire un certo tipo di idea. E lo potrebbe fare anche con Perisic"