Il ‘fattore M' all'Inter sembra non piacere più. Nelle ultime ore sono infatti state perfezionate le cessioni di Gary Medel e Jeison Murillo che hanno salutato la loro breve avventura nerazzurra per accasarsi altrove. Il centrale difensivo ha trovato posto in Spagna, dove giocherà in Liga con la maglia del Valencia, mentre il ‘pitbull' cileno sarà in mediana tra i turchi del Besiktas. Due trasferimenti che portano nelle casse dell'Inter nuovi milioni pronti a essere girati anche per riportare l'assalto al sogno proibito Vidal e a perfezionare l'acquisto di Schick.

Cessioni in Spagna e Turchia.

Tre milioni per Medel dal Besiktas.

Gary Medel ha capito che per Luciano Spalletti non c'era più spazio per lui.  Il centrocampista cileno ha trovato l'accordo con il Besiktas in una operazione che porterà nelle casse nerazzurre tre milioni più bonus. Il pitbull, dopo tre stagioni vissute a Milano, ha deciso di cambiare pur dimostrando di sapersi e volersi adattare alle volontà tattiche necessarie per rendersi utile: arrivato come classico mediano incontrista, sotto de Boer ma soprattutto sotto Pioli si è anche sacrificato nel ruolo di centrale difensivo, come spesso gli è accaduto nel Cile vincitore della Libertadores.

13 milioni da Valencia per Murillo.

Per Jeison Murillo, la storia è differente. L'Inter, e Spalletti, hanno bisogno di un centrale difensivo d'esperienza e qualità ma il colombiano non rientrava in questo identikit. Per questo, dopo una lunga trattativa, si è arrivati all'accordo con il Valencia che ha pagato all'Inter 13 milioni per avere a titolo definitivo il difensore. Una partenza che ha liberato un posto davanti ad Handanovic che dovrà essere colmato entro il 31 agosto.

Tesoretto da mercato.

Si chiude per Schick, tornato ad allenarsi.

Adesso l'Inter si ritrova con in mano altri soldi, un piccolo tesoretto da 15 milioni circa che potrebbero essere sfruttati subito per chiudere l'affare Schick o riversati per una nuova più alta proposta al Bayern per Vidal. L'attaccante ceco ha superato gli ultimi test, ha ripreso ad allenarsi con la Sampdoria, è in attesa dell'idoneità del Coni che non dovrebbe tardare. Poi, si chiuderà l'affare: 30 milioni da Milano a Genova e il bomber che vestirà il ruolo di vice-Icardi.

Si insiste su Vidal, ma c'è anche il Liverpool.

Per Arturo Vidal, l'Inter insiste e prova a crederci fino in fondo: il cileno è considerato incedibile dal Bayern Monaco dopo che Rummenigge e Ancelotti hanno chiuso le porte della trattativa ai nerazzurri. C'è da credere che però davanti ad una offerta da 60 milioni, qualcosa si potrebbe smuovere. Al momento l'Inter è arrivata a 50, cifra considerata irrilevante dai campioni di Germania. Su Vidal poi sarebeb uscito allo scoperto anche il Liverpool di Klopp, cliente di mercato scomodo per i nerazzurri e in grado di arrivare a cifre molto più alte.

Si allontana anche Gabigol.

Trattativa aperta con lo Sporting.

Si muove qualcosa in anche in attacco dove è sempre più in bilico il futuro nerazzurro di Gabigol. Gabriel Barbosa è sempre più lontano dall'Inter, con il mercato che ritorna a parlare del talento brasiliano mai sbocciato a Milano. Per l'attaccante brasiliano si profila infatti un prestito allo Sporting Lisbona. La conferma arriva da Wagner Ribeiro, l'agente del 20enne Gabigol contattato dal quotidiano portoghese ‘Record': "Stiamo trattando con lo Sporting Lisbona, è la priorità". L'Inter intanto tace e attende offerte