Questa Italia può vincere l'Europeo? Abbiamo tutto per dire la nostra, abbiamo qualità e siamo giovani, ma anche con persone esperte. Possiamo dire la nostra, fino in fondo.

Nicolò Zaniolo è uno dei protagonisti di questo inizio di stagione con la Roma e la Nazionale Italiana e nell'intervista in esclusiva da Sky Sport, ha affrontato diversi temi tra presente e futuro. Il talentuoso calciatore del club giallorosso si è soffermato sull’importanza della figura di Roberto Mancini, che l'anno scorso lo ha convocato tra lo scetticismo generale e aprendo la strada alla sua carriera in Serie A, e ha affermato: "Gli devo tanto per la fiducia che mi ha dato, mi ha chiamato quando ancora nessuno mi conosceva. Ora dovrò ripagarlo in campo, come penso che sto facendo”.

Zaniolo: I goal con l'Italia? Un sogno

Il giovane calciatore della Roma ha realizzato la sua prima doppietta in azzurro contro l’Armenia nell'ultima gara per le qualificazioni a Euro 2020 e spera di poterne segnare tanti altri sia con la maglia della Nazionale che con della giallorossa:

Prima di tutto è stato un contributo alla squadra per i tre punti che erano fondamentali. Ho realizzato un sogno ma non è punto di arrivo, ma di partenza. Spero di farne altri con l'Italia e la Roma.

Zaniolo: Mi giocherei meglio le carte in Under 21

In passato Nicolò Zaniolo ha commesso degli errori che oggi non rifarebbe, soprattutto con l'Under 21 durante lo scorso Europeo giocato in Italia, e cerca di respingere al mittente le critiche sul suo carattere degli ultimi tempi:

C'è un piccolo errore che non rifarei, mi giocherei meglio le carte in Under 21 all’Europeo. Rimpiango un po' quel momento ma devo far capire che sono quello di quest'anno e quello dell'anno scorso tranne quel frangente. Sono un ragazzo bravo, non cattivo: ho solo commesso un errore, voglio imparare e basta.