L’ex portiere di Juventus, Manchester United e Ajax Edwin Van der Sar è tornato a giocare. Il quasi quarantaseienne portiere olandese ha deciso di rimettere i guanti dopo cinque anni per aiutare il club dilettantistico del VV Noordwijk, secondo in classifica in Hoofdklasse (la quarta serie olandese), con cui ha iniziato la sua carriera a livello giovanile. Van der Sar è stato tesserato dal Noordwijk, per la super sfida con gli Jodan Boys, perché il portiere titolare Mustafa Marezine si è infortunato e il club non ha un portiere di riserva all’altezza. Il massimo dirigente del club Pieter Vink a proposito del ritorno di uno dei più grandi portieri degli ultimi vent’anni ha dichiarato: “Gli abbiamo chiesto la sua disponibilità e lui ha accettato dopo un momento di riflessione. Fondamentalmente si tratta solo di una partita. Edwin porta ancora il Noordwijk nel cuore, viene qui regolarmente e siamo entusiasti che voglia darci una mano”.

Torna e para un rigore – Come un Cincinnato moderno, Van der Sar si è rimesso i guanti ed è sceso in campo a quasi cinque anni dalla sua ultima partita. L'emozione nel suo volto si è notata, nonostante questa non fosse una finale di Champions (ne ha giocate cinque!). Nel corso del match Van der Sar ha mostrato di essere ancora in grande forma parando un calcio di rigore, qualità che è riuscito ad affinare negli ultimi anni della sua carriera. Il portiere ha cercato di deconcentrare il tiratore avversario e distendendosi alla sua sinistra è riuscito a respingere la conclusione, per la gioia dei tanti tifosi accorsi alla stadio per vedere nuovamente tra i pali un monumento del calcio olandese.

La carriera – Edwin Van der Sar ha avuto una carriera straordinaria, anche se i tifosi della Juventus non hanno certo la stessa opinione considerato che il portiere olandese nei suoi due anni bianconeri ha combinato parecchi guai, che sono costati carissimo alla squadra all’epoca guidata da Ancelotti. Van der Sar in carriera ha vinto 28 trofei. Giovanissimo Van Gaal lo promuove titolare dell’Ajax, che nel 1995 vince la Champions League, e pure la Coppa Intercontinentale. L’anno dopo perde proprio contro la Juve a Roma la finale di Champions. Rapidamente VDS conquista anche la maglia da titolare con la nazionale olandese, con cui non è molto fortunato – perde ai rigori le semifinali di Francia ’98 ed Euro 2000, e perde in semifinale pure con l’Olanda a Euro 2004. Dopo i difficili anni juventini, si rilancia al Fulham e Sir Alex lo prende al Manchester United con cui raccoglie un’altra dozzina di trofei. Nel maggio 2011 si ritira dopo la finale di Champions League persa a Wembley contro il Barcellona.