Il clamoroso trasferimento di Neymar al Paris Saint-Germain per 222 milioni di euro, ha generato una sfilza di polemiche e critiche sull'asse Barcellona-Parigi. Dopo le proteste del club catalano, che aveva chiesto all'Uefa di indagare sull'investimento economico dello sceicco Al-Thani, era arrivata anche la richiesta dello stesso giocatore brasiliano nei confronti della società spagnola: colpevole, secondo la stella della "Selecao", di non aver mantenuto fede alla promessa di un "bonus" da 26 milioni di euro previsto dal contratto firmato l'estate scorsa tra le due parti.

L'Uefa ha detto no.

A mettere fine alla guerra legale tra Neymar e il Barcellona, è però arrivata la decisione definitiva dell'Uefa che ha respinto la richiesta del numero 10 del Psg, di escludere i catalani dalla Champions League per inadempienza contrattuale. Dal quartier generale di Nyon, infatti, la pretesa del giocatore più pagato della storia del calcio non è mai stata presa in considerazione. Nonostante la guerra tra i due club e il brasiliano, l'Uefa ha sempre mantenuto una posizione "super partes" cercando di raffreddare l'infuocata polemica nata dopo il pagamento della clausola rescissoria da parte del club transalpino.

L'azione punitiva del Barça.

Neanche l'azione "punitiva" del Barcellona, che avrebbe trattenuto la somma perché convinto che Neymar avesse già programmato la partenza dalla Spagna prima del rinnovo, ha smosso i vertici dell'Uefa che hanno comunque aperto un'inchiesta formale sul Psg per capire se davvero è stato violato il fair play finanziario. Per Neymar è arrivata dunque la risposta negativa.

Gli incroci in campo.

Il Barcellona continuerà a giocare in questa Champions League: competizione che, tra l'altro, ha spesso e volentieri messo una contro l'altra le due società. Negli ultimi anni il Barça ha avuto la meglio sui parigini nei quarti dell'edizione 2012/13, nel girone dell'anno successivo e nella Champions dello scorso anno: rimasta impressa nella memoria di tutti, per l'incredibile "remuntada" di Messi e compagni.