C'è grande curiosità intorno alla nuova avventura nel mondo del calcio di Francesco Totti. L'ex numero 10 e dirigente della Roma sta per intraprendere la carriera di procuratore e potrebbe farlo con un nome a sensazione: il primo giocatore della "CT Number Ten 10", che è stata costituita nelle scorse settimane dall'ex capitano giallorosso, dovrebbe essere, secondo quanto riportano i ben informati, il calciatore classe 2002 dell'Inter Sebastiano Esposito ma il primo grande colpo sarà Federico Chiesa.

L'asso della Fiorentina e punto fermo della Nazionale di Roberto Mancini è attualmente assistito dal padre Enrico ma, secondo quanto riportato dal settimanale Chi, sarà il primo nome sensazionale dell'agenzia della bandiera della Roma e sarebbe davvero un bel colpo.  Totti starebbe trattando con il talento della Fiorentina in gran segreto dopo aver fatto firmare Esposito, che a breve rinnoverà con l'Inter fino al 2025.

Totti: Non farò il procuratore, ma lo scouting

Pochi giorni fa erano trapelate le prime indiscrezioni sulla nuova vita di Francesco Totti. L'ex numero 10 della Roma e della Nazionale, intervistato da Diletta Leotta per la puntata di ‘Linea Diletta' in onda dal 15 gennaio su DAZN, ha svelato i suoi piani per il futuro:

Ma non farò il procuratore, ormai quella è una parola passata. Farei lo scouting: perlustrerei per scoprire qualche giovane promettente.

L'ex Pupone ha parlato dell'impossibilità di vedere calciatori come lui, che iniziano e finiscono la carriera in un club, nel mondo attuale e ha spiegato che se alla Roma ci fosse un giovane del suo talento non rimarrebbe a lungo nella Capitale:

Se io fossi il procuratore di un Totti venticinquenne? Sicuramente non giocherebbe alla Roma. A venticinque anni già se lo sarebbero comprato. Penso che farebbe fatica a rimanere così a lungo alla Roma.