Il Monday Night della terza giornata di Serie A, dopo i risultati maturati in questo weekend, è diventato una ghiotta occasione per il Torino. La squadra di Walter Mazzarri, che affronta il Lecce in casa, vincendo potrebbe infatti salire in testa al campionato punteggio pieno e insieme all'Inter. Il tecnico granata però non si fida: "Non c'è mai una partita scontata e la gara con il Lecce mi preoccupa – ha dichiarato durante la conferenza stampa della vigilia – La formazione di Liverani non ha ancora fatto punti ma gioca a memoria e probabilmente sta pagando il dazio di essere arrivata nella massima serie".

"Ai miei ragazzi ho chiesto di stare attenti. C'è bisogno di una prova di carattere e di dimostrare, contro avversari sulla carta più abbordabili, di essere cresciuti mentalmente. Dobbiamo portare a casa i punti. Zaza ha recuperato e sarà a disposizione, credo che possa esserci anche Lukic. Verdi? Ha ammesso per primo che ha ancora bisogno di un po' di tempo, ha fatto una preparazione diversa con un'altra squadra. Ma ciò non vuol dire che non possa subito essere utile".

Il caso Nkoulou e il rinnovo con il Torino

Tra i giocatori convocati per la sfida contro il Lecce non figura il ‘ribelle' Nicolas Nkoulou, che nonostante le scuse dovrà guadagnarsi il posto: "Per me era un giocatore importante, lo conosco bene e gli ho parlato in faccia – ha spiegato Mazzarri – Gli ho detto che adesso riparte da zero, le gerarchie in questo momento sono diverse e lui deve riconquistarsi il posto. Davanti a lui ci sono altri cinque difensori forti che meritano rispetto. Poi toccherà a me decidere. Il mio rinnovo? Ringrazio Cairo per le belle parole, per me si tratta di una formalità. Quando c'è stima, c'è tutto. Appena la società vorrà e ci incontreremo sarà semplice firmare. A me non serve una firma, mi basta una stretta di mano".