Bloccati a Lecce e impossibilitati a tornare a casa. Il rinvio della partita contro i giallorossi salentini (si gioca oggi alle 15) è stata una beffa doppia per i sostenitori che da Cagliari s'erano mossi affrontando la lunga trasferta e sfidando le intemperie per seguire la squadra e incoraggiarla in questo momento particolarmente felice (sardi in zona Champions e con la possibilità di agganciare addirittura la terza posizione vincendo nel Salento). Erano assiepati sotto la pioggia in quella porzione di stadio loro riservata e quando hanno capito dal terzo sopralluogo effettuato dal capitano Nainggolan (assieme all'arbitro Mariani) che la gara non si sarebbe giocata hanno iniziato a pensare dove trascorrere la notte e trovare riparo.

Cosa avrebbero fatto una volta usciti dall'impianto di Via del Mare? Quanto batte il cuore ultras scatta la solidarietà tra chi è del mestiere, tra coloro che conoscono benissimo cosa significa sobbarcarsi chilometri per passione per stare accanto alla propria squadra. I tifosi del Lecce hanno concesso ospitalità a quelli rossoblù per una notte, offrendo loro bevande e un pasto caldi, la possibilità di rifocillarsi e asciugarsi un po' dopo le ore trascorse sotto la pioggia.

Da Lecce una bella notizia di calcio e sport. I tifosi del Lecce, dopo l’annuncio del rinvio della partita (ore 15), sono andati nel settore dei nostri tifosi per offrire loro ospitalità per la nottata di oggi – si legge nella pagina Facebook di Ccn-Cagliari calcio news -. Complimenti. A comunicarlo è stato il presidente del Lecce. Ha vinto l'umanità.

Un bell'esempio che testimonia come anche nel mondo ultras non tutto sia poi così marcio e che c'è ancora rispetto di quei valori troppo spesso offuscati dalla rabbia e dalla stupidità rivalità che travalica ogni cosa. A cominciare dal rispetto e delle più elementari norme di convivenza, di buona educazione. Se batte il cuore ultras e a vincere è il buon cuore, ha un valore sicuramente maggiore rispetto ai tre punti.