Suso è sempre più ai margini del progetto Milan. Il calciatore spagnolo potrebbe non giocare in Coppa Italia contro la Spal e sarebbe l'ennesimo segnale di una rottura che si sta consumando tra il classe 1993 e la società rossonera. Stefano Pioli questa sera dovrebbe schierare il suo Milan con il 4-4-2 e questo modulo dovrebbe tagliare fuori due giocatori che fino a poco tempo fa erano due titolari inamovibili del Diavolo, ovvero Suso e Lucas Paquetà. Questi due calciatori erano considerati fondamentali alla fine della scorsa stagione ma con il passare dei mesi sono diventati sempre più invisibili, in campo e non.

Prestazioni incolori, fischi e voglia di riscatto sono parte degli ultimi mesi di Jesús Joaquín Fernández Sáenz de la Torre, più conosciuto come Suso; che sta vivendo un'altra stagione con pochi picchi positivi e tanti negativi con la maglia del Milan: questo non esclude la sua cessione già nella sessione di calciomercato in corso.

Suso è un obiettivo di ValenciaSiviglia Getafe

Il talento spagnolo classe 1993 piace sia in Italia che all'estero, dove sono svariati gli interessi provenienti dalla Spagna. L'ex calciatore del Liverpool, secondo Tuttosport, avrebbe gradito la destinazione Roma ma i giallorossi hanno ormai chiuso per Matteo Politano con l'Inter e questa porta si è, definitivamente, chiusa.

Valutato circa 25 milioni di euro dal Milan, cifra considerata esagerata dalle società pretendenti, Suso potrebbe lasciare l'Italia anche in prestito con obbligo di riscatto e, secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, ValenciaSiviglia Getafe ci hanno pensato in maniera seria e concreta. Il club rossonero vorrebbe inserire l'obbligo di acquisizione ma su questa ipotesi le tre società spagnole non hanno mostrato entusiasmo. Nei prossimi giorni è possibile un nuovo incontro tra la dirigenza, il giocatore e il suo entourage per trovare una soluzione che vada bene a tutti. Importanti novità sul capitolo Suso potrebbero arrivare in tempi brevi.