La nazionale romena ha ricevuto una pesante sanzione dalla Uefa che a causa di intemperanze e soprattutto di cori razzisti ha deciso di far giocare due partite della Romania a porte chiuse. La federazione nelle ultime ore ha chiesto alla Uefa se in occasione dell'incontro con la Norvegia sarebbe stato possibile avere sugli spalti tutti tifosi Under 14, invitati dalla federcalcio. La Uefa ha detto sì e a Bucarest ci saranno oltre trentamila spettatori.

Perché la Romania deve giocare a porte chiuse

Nelle partite giocate a settembre un nutrito gruppo di tifosi della Romania ha dato vita a una serie di incidenti prima degli incontri contro Spagna e Malta, prima del calcio d'inizio del match con la ‘Roja' ci furono anche cori vergognosi mentre c'era il minuto di raccoglimento in memoria della figlia di Luis Enrique. La Uefa così decise di infliggere una sanzione pesante: due turni casalinghi a porte chiuse.

Il record di Under 14 in uno stadio per Romania-Norvegia

Una bella risposta a ogni tipo di violenza e di razzismo cerca di darla la Romania che ha chiesto alla Uefa di poter aprire le porte dell'Arena Nationala di Bucarest a tutti Under 14, ce ne saranno 30.038. Un primato vero e proprio. Da ogni angolo della Romania le scuole si sono organizzate e hanno risposto sul sito ufficiale della federcalcio della Romania, che ha fatto sua un'iniziativa utilizzata già da diverse squadre di club, inclusa la Juventus. Nel giro di pochissime ore sono arrivate migliaia e migliaia di richieste, tanto che tutti i posti sono stati prenotati. Saranno 30.038 gli Under 14, ogni dieci ragazzi ci sarà un accompagnatore. Gli spettatori saranno 33.000, che potranno vedere Romania-Norvegia, sfida chiave per le Qualificazioni all'Europeo. Da ognuna delle quindici province sono in partenza decine di pullman. In Romania si batterà il record di presenze di Under 14 in uno stadio, il primato attuale è di 22mila per la sfida tra Partizan e AZ.