Vorrei dedicare questa vittoria a Giorgio Squinzi che è stato il mio presidente per sette anni: è stato un punto di riferimento per me e molti altri.

Con queste parole di Simone Missiroli ha voluto esprimere il suo cordoglio alla famiglia Squinzi e un pensiero al patron del Sassuolo, Giorgio, scomparso nei giorni scorsi. Dopo il successo per 1-0 della sua Spal sul Parma, l'ex centrocampista neroverde ha dedicato un pensiero al suo vecchio presidente. Il giocatore biancazzurro ha sfiorato anche la rete nel primo tempo e ai microfoni di Sky Sport ha affermato:

Avrei preferito dedicargli un gol ma va bene così. Questa partita è stata importante soprattutto a livello di testa, la qualità le abbiamo e ci mancava solo sbloccarci. Avevamo in mano la partita, l'espulsione ha complicato le cose ma abbiamo dimostrato di essere compatti anche nelle difficoltà. Il campionato è lungo, ora c'è la sosta e possiamo lavorare con serenità grazie a questa vittoria.

Missiroli, uomo del Sassuolo dei miracoli

Il calciatore di Reggio Calabria è stato uno dei punti fermi del Sassuolo dei miracoli di Giorgio Squinzi e per sei anni è stato un simboli per i tifosi neroverdi. Missiroli il 18 maggio 2013, in occasione dell'ultima gara di campionato contro il Livorno, siglò al 96′ minuto la rete della vittoria che portò la squadra emiliana per la prima volta nella sua storia nel massimo campionato italiano: il centrocampista dedicò il goal al suo presidente, Giorgio Squinzi, che in quel giorno compiva gli anni. Avrebbe voluto farlo anche oggi ma non c'è riuscito.

Questo classe 1986 dopo 6 anni al Sassuolo è stato venduto alla Spal ma il suo rapporto con l'ex società e soprattutto il presidente Squinzi era ottimo e queste parole lo dimostrano a pieno.