Mentre avrei voluto trascorrere la giornata concentrandomi sulla grande partita di domani, è importante riconoscere che quello che è accaduto questa mattina è sbagliato e altamente insensibile. Spero che gli editori coinvolti nella pubblicazione di quel titolo si prendano le loro responsabilità e capiscano il potere che hanno attraverso le parole, e l'impatto che queste parole possono avere. Un ringraziamento alla Roma per il supporto. Ora che inizi la battaglia Rom (Lukaku, ndr), daje Roma!.

Con queste parole pubblicate attraverso il proprio profilo Twitter Chris Smalling ha rotto il silenzio in merito alla prima pagina dell'edizione odierna del Corriere dello Sport. Il difensore inglese della Roma è uno dei due protagonisti, suo malgrado, della spiacevole vicenda insieme all'attaccante dell'Inter Romelu Lukaku e ha commentato il caso attraverso un messaggio che fa capire quanto le parole usate in certi contesti siano importanti.

Da stamane impazza sui social network la polemica sulla scelta del quotidiano di piazza della Repubblica di titolare "Black Friday" con le foto dei due calciatori di colore che saranno protagonisti della sfida di San Siro di domani sera tra Inter e Roma. Questo caso è diventato internazionale in poche ore visto che testate internazionali come il The Guardian, la BBC e O'Globo ne hanno parlato tanto e, purtroppo, se ne parlerà ancora nei prossimi giorni.

Le risposte di Inter e Roma

Sono arrivati subito i tweet della due società coinvolte che hanno preso le distanze dal titolo di prima pagina pubblicato dal Corriere dello Sport e hanno ribadito la loro posizione in merito al razzismo e a questo tipo di esternazioni. "Nessuno. Assolutamente nessuno. Non anima viva. Il titolista del Corriere dello Sport" è la risposta del club giallorosso mentre i nerazzurri hanno scritto: "Il calcio è passione, cultura e fratellanza. Siamo e saremo sempre contro ogni forma di discriminazione".