Sappiamo che abbiamo una carta molto importante da giocarci, credo che nel frattempo la squadra sia cresciuta in questa competizione e adesso abbia maggiore determinazione e consapevolezza contro questo tipo di avversari. Abbiamo fiducia nel poter affrontare bene lo Shakhtar, che è un’ottima squadra. Senza Ilicic e Zapata contemporaneamente mi pare che abbiamo già giocato quattro partite, anche perché Josip ne ha saltate due, quindi adotteremo soluzioni diverse.

Gian Piero Gasperini fa il conto delle assenze ma non vuole alibi. Alla vigilia della partita decisiva di Champions League a Kharkiv contro lo Shakhtar, l'allenatore dell'Atalanta non sembra essere troppo preoccupato per le assenze di due uomini offensivi come il trequartista sloveno e il centravanti colombiano. Il tecnico dei bergamaschi si è soffermato su questo tema parlando dell'assenza dello squalificato Toloi e di come la squadra abbia ovviato alle assenze anche in altri momenti:

Succede durante la stagione, con tutti questi impegni, di avere giocatori acciaccati o squalificati come Toloi. Avremmo preferito averli tutti in un appuntamento del genere, ma anche senza Duvan siamo riusciti a crescere in campionato e in Champions.

Gasperini: Non ho ancora deciso se far giocare Malinovskyi

A chi gli chiede come disporrà i suoi uomini offensivi, visto che c'è il probabile l'utilizzo di Muriel prima e unica punta con Papu Gomez e Pasalic larghi tra le linee Gasperini risponde: "Non ho ancora deciso se far giocare Malinovskyi oppure no, Pasalic è in un momento favorevole e per noi è molto importante". L'Atalanta ha solo un risultato a disposizione domani e Gasp lo sa bene:

Dobbiamo vincere per proseguire, magari in Europa League, aspettando il risultato di Zagabria del Manchester City. Anche lo Shakhtar per non rischiare deve centrare i tre punti, ma il vantaggio del secondo posto e dei due punti in più di noi in classifica gli dà più chance.

Gasperini: Ha dei giocatori molto tecnici, tipo Taison

A chi gli chiede quali sono i pregi dello Shakhtar e chi son gli uomini che potrebbero mettervi in difficoltà la retroguardia orobica il tecnico della Dea risponde:

Ha dei giocatori molto tecnici, che hanno molta qualità offensiva. Alcuni di loro, tipo Taison, hanno anche velocità e possono creare superiorità numerica. Lo Shakhtar è una squadra molto pericolosa quando attacca: tutti possono fare gol. Credo però che se riusciamo a reggere il loro urto offensivo avremo delle buone chance di essere pericolosi anche noi, perché loro qualche possibilità di lasciarci palleggiare forse ce la concederanno.

Probabili formazioni di Shakhtar Donetsk-Atalanta

SHAKTHAR DONETSK (4-2-3-1): Pyatov; Dodo', Kryvtosov, Matviyenko, Ismaily; Alan Patrick, Stepanenko; Marlos, Kovalenko, Taison; Junior Moraes. Allenatore: Castro.

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Djimsiti, Palomino, Masiello; Hateboer, Freuler, De Roon, Gosens; Gomez, Pasalic; Muriel. Allenatore: Gasperini.

ARBITRO: Zwayer (Germania).