Le Grottaglie – Twitter Pescara
in foto: Le Grottaglie – Twitter Pescara

Il Pescara riparte da Nicola Legrottaglie. Il club abruzzese, che attualmente si trova a pochi punti dalla zona playoff della classifica di Serie B, ha infatti deciso di affidare la panchina della prima squadra al 43enne allenatore pugliese: fino ad oggi protagonista con la formazione Primavera del Delfino. La decisione del presidente Sebastiani è arrivata nelle scorse ore dopo le dimissioni di Luciano Zauri, che ha anticipato il più che probabile esonero che la società aveva già pensato di comunicargli dopo l'ultima sconfitta con la Salernitana.

La settima panchina rimasta vuota nel campionato cadetto, è così stata occupata dall'ex difensore della Juventus che aveva già ricoperto incarichi importanti a Bari, dove ha allenato i giovani, e a Cagliari durante l'esperienza da vice di Massimo Rastelli. L'addio di Zauri e la promozione di Legrottaglie, hanno inoltre costretto il Pescara a rivedere un po' tutto l'organigramma: in primis quello relativo alla squadra Primavera, le cui sorti sono state affidate a Antonio Di Battista.

Di Biagio in arrivo?

A comunicare l'arrivo di Legrottaglie, è stato lo stesso club del presidente Sebastiani attraverso una nota ufficiale pubblicata sul sito e rilanciata dai canali social della società. L'esordio del nuovo allenatore arriverà dunque nel prossimo weekend, quando i biancazzurri saranno attesi da una trasferta insidiosa: quella di Pordenone, contro la squadra rivelazione del torneo cadetto.

Secondo le indiscrezioni rimbalzate da Pescara, l'incarico del mister di Gioia del Colle sarebbe però da intendersi ‘ad interim'. In corsa per guidare la squadra abruzzese in questa seconda parte di stagione ci sarebbero infatti diversi allenatori come Bepi Pillon e l’ex commissario tecnico dell’Under 21 Gigi Di Biagio: al momento il candidato principale per sedersi sulla panchina del Pescara,