Il pagellone della 13a giornata di campionato premia ancora la Juventus che ormai è fissa nella tabella delle promosse al pari dell’Inter. Bianconeri e nerazzurri camminano ormai a braccetto in una corsa scudetto che ormai sembra essere riservata solo a queste due squadre. Così come Roma e Lazio che a suon di gol stanno guadagnando punti importanti per prendersi un posto tranquillo in Champions senza trascinarsi fino all’ultima giornata. Fra i bocciati c’è invece il Napoli, una squadra che sembra davvero alla frutta, senza stimoli, idee e voglia di rivalsa. La sensazione che dopo la gara di Champions contro il Salisburgo qualcosa si sia rotto, è sempre più netta. E questo sta facendo la differenza in negativo. Il Verona non è più una sorpresa, così come piace e diverte anche il Parma nonostante il pareggio del ‘Dall’Ara’ contro il Bologna.

Promossi

Juventus brillante e vincente. L’Inter tiene il passo dei bianconeri

La 13a giornata post pausa Nazionali, mette ancora una volta in cima alla lista delle squadre più in forma del campionato, la Juventus. La squadra di Sarri è stata protagonista dell’ennesima grande vittoria, ancora in rimonta, sul campo dell’Atalanta per 3-1. Tre punti fondamentali che oltre a mettere pressione all’Inter (poi vittoriosa in serata contro il Toro) ha staccato ulteriormente l’altra grande rivale, il Napoli, ora già distante 15 punti.

Proprio i nerazzurri sono gli altri promossi di questo turno con il 3-0 sui granata che non è mai stato messo in discussione. Il testa a testa con la Juventus, previsto a inizio stagione, sta tenendo fede a quanto detto e il -1 dai bianconeri, è l’ennesima iniezione di fiducia per Conte in un campionato che si prospetta avvincente fino alla fine.

Il Verona non è più una sorpresa: al ‘Bentegodi’ cade anche la Fiorentina

Pochi gol, poche gare sofferte e pochissimi gol subiti. Con una media di 11 gol fatti e altrettanti raccolti dalla rete dal portiere Silvestri, il Verona ormai non è più una sorpresa di questo campionato. I 18 punti raccolti in queste prime 13 gare, raccontano di una squadra che, lasciando per un attimo da parte la qualità dei singoli che sulla carta a inizio stagione poteva lasciare molto a desiderare, ha trovato invece nella forza del gruppo e nelle idee di Juric, il suo punto vitale. L’1-0 con cui è stato battuta la Fiorentina, testimonia proprio questo aspetto e la difesa del risultato ha fatto sì che oggi gli scaligeri possano davvero sognare in grande. Il gol di Di Carmine, è il secondo realizzato da un attaccante del Verona dopo quello di Salcedo di qualche settimana fa.

Roma e Lazio non falliscono l’appuntamento con la vittoria. Samp che gioia

A braccetto anche Roma e Lazio che non falliscono l’appuntamento con la vittoria. I giallorossi passeggiano agevolmente all’Olimpico soprattutto nel secondo tempo, contro un Brescia che proprio nella ripresa ha ceduto sotto i colpi di Smalling, Mancini e Dzeko. Un 3-0 che proietta i ragazzi di Fonseca a 25 punti, a -2 dai ‘cugini’ della Lazio che hanno dovuto soffrire non poco prima di esultare per i tre punti conquistati sul campo del Sassuolo. Oltre al solito Immobile, nel 2-1 al ‘Mapei’ è stato Caicedo a regalare questo gioia a Inzaghi che adesso puntano a consolidare la terza posizione e conservare quanto più possibile un posto in Champions mancato lo scorso anno. Ma ad esultare è anche un altro romano come Claudio Ranieri che con il 2-1 sull'Udinese, lancia la sua Sampdoria a 12 punti anche se il Lecce dovrà recuperare una partita. Bella la prova di forza dei blucerchiati che dopo l'iniziale svantaggio dei friulani firmato Nestorovsky, ha saputo reagire con Gabbiadini e Ramirez nonostante l'infortunio di Quagliarella che rappresenta l'unica nota stonata della serata del ‘Ferraris'.

Bocciate

Napoli: crisi di gioco e risultati. Ora si fa dura

Una delle bocciature più importanti di questa 13a giornata è quella che riguarda il Napoli. La squadra di Ancelotti, reduce dall’1-1 di San Siro contro il Milan, sulla carta potrebbe essere rimandata, ma l’ennesimo stop degli azzurri sa di beffa soprattutto vedendo Juventus e Inter che ormai hanno chiuso il campionato mettendo una serie ipoteca per una corsa a due fino al termine della stagione. Il Napoli non vince da 6 partite (da 5 in campionato) e per trovare una striscia peggiore bisogna tornare al 2013. Gli azzurri di Ancelotti quest’anno hanno raccolto solo 20 punti in 13 giornate, mai così male dalla stagione 2011-12. Numeri davvero impressionanti viste le premesse e la grande attesa per il rendimento di Ancelotti sulla panchina dei partenopei. Serve una svolta, forse immediata, per salvare quantomeno il salvabile in questa stagione.

I voti finale della gara di ’San Siro’ fra Milan e Napoli (Sofascore)
in foto: I voti finale della gara di ’San Siro’ fra Milan e Napoli (Sofascore)

Rimandate

Il Parma non vince, ma con tanti assenti il pari ci può stare

Non è una bocciatura, soprattutto per l’impegno visto in campo. Dopo il 2-2 del ‘Dall’Ara’ contro il Bologna, c’è solo da applaudire questo Parma per il risultato raggiunto che alla vigilia sembrava solo una flebile speranza. Già, perché D’Aversa si è presentato al derby emiliano praticamente senza attaccanti, schierando il solo Sprocati con Kulusevski per provare a pungere la difesa dei felsinei. Proprio il talento scuola Atalanta è stato protagonista con un gol che ha sbloccato la gara e prima del pari beffa di Dzemaili nel finale, Iacoponi aveva fatto presagire al meglio per una vittoria che avrebbe avuto davvero dell’incredibile. Ma va bene così, questo Parma piace e diverte tanto.

⌛ Full Time #BolognaParma 2 – 2

A post shared by Parma Calcio 1913 (@parmacalcio1913) on