Ciro Immobile allunga in vetta e si porta ad un passo dalle leggende biancocelesti Chinaglia e Puccinelli. Stefano Okaka si conferma bomber implacabile quando parte da titolare. Da Arkadiusz Milik a Luis Muriel fino a Lautaro Martinez e Andreas Cornelius: turno di gloria per gli attaccanti stranieri. Gloria anche per Romelu Lukaku che eguaglia il primo Diego Milito italiano e per Cristiano Ronaldo che fa 25 nel massimo campionato del Bel Paese. Continua il momento d’oro in fase realizzativa anche per Miralem Pjanic e il “Papu” Gomez. Queste e tante altre le principali curiosità riguardo ai bomber di questa ottava giornata della Serie A 2019/2020 che si chiuderà con il posticipo del lunedì tra il Brescia di Eugenio Corini e la Fiorentina di Vincenzo Montella.

Immobile vola: le leggende Chinaglia e Puccinelli ad un passo. Okaka bomber da titolare

La Lazio non riesce a vincere ma Ciro Immobile continua la sua scalata nella classifica marcatori e nella graduatoria dei più prolifici bomber biancocelesti. La doppietta realizzata contro l’Atalanta dall’attaccante campano infatti gli permette di allungare sull’infortunato Duvan Zapata (raggiunto da Domenico Berardi, a segno contro l’Inter, al secondo posto) e salire a quota 76 reti in Serie A con la maglia della Lazio ad una sola distanza da due bandiere della società capitolina come Giorgio Chinaglia e Aldo Puccinelli che occupano attualmente il quarto posto di questa speciale classifica. Turno di campionato favorevole anche per un’altra punta “azzurrabile”, vale a dire Stefano Okaka che con il suo gol ha permesso all’Udinese di battere il Torino confermandosi come bomber implacabile quando viene schierato dal primo minuto: sei infatti le segnature nelle sue ultime cinque presenze da titolare in Serie A.

Giornata di gloria per i bomber stranieri: prime gioie per Milik, Lukaku come Milito

I centravanti di Lazio e Udinese sono però due dei pochissimi attaccanti di casa nostra a poter gioire in questa giornata (solo 7 su 31 totali i gol italiani in questo turno fin qui) che ha visto invece mettersi in evidenza soprattutto i bomber stranieri. In vetrina infatti colombiano dell’Atalanta Luis Muriel che dopo un mese di digiuno torna a segnare (doppietta contro la Lazio per lui), il polacco del Napoli Arkadiusz Milik, anche lui autore di una doppietta, che contro il Verona ha trovato i suoi primi gol stagionali, il centravanti danese del Parma Andreas Cornelius mattatore dei ducali nel match contro il Genoa con una tripletta (era dal 2013, quando ci riuscì Amauri, che un giocatore degli emiliani non metteva a segno tre reti in una gara del massimo campionato italiano), la coppia di attaccanti dell’Inter formata dall’argentino Lautaro Martinez e dal belga Romelu Lukaku (due reti a testa contro il Sassuolo) con quest’ultimo che diventa il primo giocatore nerazzurro a segnare 4 o più gol nelle prime quattro trasferte di Serie A dopo Diego Milito.

CR7 fa 25 in Serie A, continua il momento d’oro di Pjanic e del ‘Papu’ Gomez

Giornata speciale anche per il fenomeno portoghese della Juventus Cristiano Ronaldo che, dopo aver raggiunto i 700 centri in carriera, nel match con il Bologna ha messo a segno la sua 25a marcatura in Serie A diventando il quinto calciatore più veloce a raggiungere tale quota negli ultimi 25 anni. Sempre straniero e compagno di squadra di CR7 alla Juventus un altro dei protagonisti di questo turno di campionato. Si tratta del bosniaco Miralem Pjanic, di ruolo centrocampista ma già a quota tre sigilli nel torneo che conferma dunque il proprio momento d’oro realizzando il quinto gol nelle ultime sette gare disputate tra club e Nazionale. Momento d’oro anche per il trequartista argentino dell’Atalanta Alejandro Gomez che per la prima volta in carriera è andato a segno in tre match consecutivi del massimo campionato del Bel Paese.

La classifica marcatori dopo la 8a giornata della Serie A 2019/2020

  • 9 – Ciro Immobile (3 su rigore, Lazio).
  • 6 – Duvan Zapata (Atalanta), Domenico Berardi (Sassuolo).
  • 5 – Andrea Belotti (2, Torino), Luis Muriel (1, Atalanta), Romelu Lukaku (2, Inter).
  • 4 – Edin Dzeko (Roma), Dries Mertens (Napoli), Alfredo Donnarumma (1, Brescia), Marco Mancosu (3, Lecce), Alejandro Gomez (Atalanta), Cristiano Ronaldo (1, Juventus), Lautaro Martinez (2, Inter), Andreas Cornelius (Parma).
  • 3 – Francesco Caputo (Sassuolo), Krzysztof Piątek (2, Milan), Christian Kouamé (Genoa), Aleksandar Kolarov (1, Roma), Lorenzo Insigne (2, Napoli), Stefano Sensi (Inter), Erick Pulgar (3, Fiorentina), Andrea Petagna (Spal), Joao Pedro (1, Cagliari), Robin Gosens (Atalanta), Miralem Pjanic (Juventus).
  • 2 – Franck Ribery (Fiorentina),  Domenico Criscito (2, Genoa), Luca Ceppitelli (Cagliari), Miguel Veloso (Verona), Giovanni Simeone (Cagliari), Marcelo Brozovic (Inter), Fernando Llorente (Napoli), Nicola Sansone (2, Bologna), Federico Di Francesco (Spal), Lucas Castro (Cagliari), Nikola Milenkovic (Fiorentina), Kostas Manolas (Napoli), Roberto Inglese (Parma), Rodrigo Palacio (Bologna), Gonzalo Higuain (Juventus), Joaquin Correa (Lazio), Stefano Okaka (Udinese), Arkadiusz Milik (Napoli), Andrea Pinamonti (Genoa), Dejan Kulusevski (Parma), Marco Calderoni (Lecce), Hakan Calhanoglu (Milan).
  • 1 – Luis Alberto (Lazio), Rodrigo Becao (Udinese), Alex Berenguer (Torino), Kevin Prince Boateng (Fiorentina), Kevin Bonifazi (Torino), José Callejon (Napoli), Antonio Candreva (Inter), Giorgio Chiellini (Juventus), Danilo (Juventus), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Riccardo Gagliolo (Parma), Gervinho (Parma), Kevin Lasagna (Udinese), Hirving Lozano (Napoli), Fabio Quagliarella (1, Sampdoria), Aaron Ramsey (Juventus), Roberto Soriano (Bologna), Hamed Traoré (Sassuolo), Cengiz Under (Roma), Cristian Zapata (Genoa), Simone Zaza (Torino), Riccardo Orsolini (Bologna), Mattia Bani (Bologna), Bryan Cristante (Roma), Antonino Barillà (Parma), Andrea Cistana (Brescia), Jasmin Kurtic (Spal), Henrik Mkhitaryan (Roma), Justin Kluivert (Roma), Alfred Duncan (Sassuolo), Romulo (Brescia), Diego Farias (Lecce), Armando Izzo (Torino), Manolo Gabbiadini (Sampdoria), Fabian Ruiz (Napoli), Federico Chiesa (Fiorentina), Josip Ilicic (Atalanta), Timothy Castagne (Atalanta), Marten de Roon (Atalanta), Federico Bonazzoli (Sampdoria), German Pezzella (Fiorentina), Danilo D’Ambrosio (Inter), Sergej Milinkovic-Savic (Lazio), Gaetano Castrovilli (Fiorentina), Gregoire Defrel (Sassuolo), Mario Balotelli (Brescia), Felipe Caicedo (Lazio), Davide Faraoni (Verona), Roberto Gagliardini (Inter), Jakub Jankto (Sampdoria), Rafael Leao (Milan), Stefan Radu (Lazio), Alexis Sanchez (Inter), Cristian Ansaldi (Torino), Marash Kumbulla (Verona), Theo Hernandez (Milan), Franck Kessié (1, Milan), Lasse Schone (Genoa), Fabio Lucioni (Lecce), Ladislav Krejci (Bologna), Paulo Dybala (Juventus), Danilo (Bologna), Filip Djuricic (Sassuolo), Jeremie Boga (Sassuolo), Radja Nainggolan (Cagliari), Paolo Faragò (Cagliari), Juraj Kucka (Parma), Kouma Babacar (Lecce).
  • Autogol – Kalidou Koulibaly (Napoli – 1), Stefano Sabelli (Brescia – 1), José Palomino (Atalanta – 1), Mehdi Bourabia (Sassuolo – 1), Jhon Chancellor (Brescia – 1), Nicola Murru (Sampdoria – 1), Luca Ceppitelli (Cagliari – 1).