Prosegue la marcia trionfale di Ciro Immobile in vetta alla classifica marcatori e nella graduatoria all time dei bomber della Lazio (agganciato Bruno Giordano al 4° posto). Continua anche la grande stagione dell’atalantino Robin Gosens, in questo momento il difensore ‘più decisivo’ d’Europa, mentre Cristiano Ronaldo diventa il bomber più prolifico del Vecchio Continente da inizio Dicembre. Prima rete in questo torneo invece per Zlatan Ibrahimovic che a 38 anni e 100 giorni torna al gol in Serie A dopo quasi 7 anni, mentre Fabio Quagliarella realizza la doppietta più ‘vecchia' dei cinque principali campionati continentali e scavalca anche il ct Roberto Mancini tra i più prolifici goleador della storia del massimo campionato italiano. Queste e tante altre le principali curiosità riguardo ai bomber di questa diciannovesima giornata della Serie A 2019/2020 che si chiuderà con il posticipo del lunedì tra Parma e Lecce.

Immobile aggancia Giordano, CR7 miglior bomber d'Europa da Dicembre

Sale a quota 20 gol il capocannoniere Ciro Immobile che con la sua ultima rete ha permesso alla sua Lazio di ottenere i tre punti contro il Napoli. Con questa segnatura il bomber campano, la numero 108 in maglia biancoceleste (agganciato Bruno Giordano al 4° posto della classifica all time) stacca ulteriormente Romelu Lukaku rimasto a secco nel match tra Inter e Atalanta pur avendo servito il primo assist in questo torneo per il compagno di reparto Lautaro Martinez che ha invece rimpinguato il proprio bottino personale che ora conta 11 centri. Il belga viene inoltre raggiunto da Cristiano Ronaldo a segno anche contro la Roma: un gol che lo rende il bomber più prolifico d'Europa (con nove centri) considerando solo le reti da inizio Dicembre a oggi e che gli permette anche di diventare il secondo calciatore nella storia della Juventus, dopo John Hansen, a segnare almeno 14 reti nei primi 19 turni di un campionato di Serie A per più di una stagione.

Gosens difensore ‘più decisivo’ d’Europa, Quagliarella ‘doppietta' da record

Continua la grande stagione dal punto di vista realizzativo dell’atalantino Robin Gosens che con la zampata dell’1-1 a San Siro contro l’Inter ha partecipato alla decima rete in questo torneo diventando così il difensore più decisivo dei cinque principali campionati europei attualmente in corso. Come lui solo Alexander-Arnold del Liverpool e Max del Friburgo. Grande protagonista di giornata è stato però l’eterno Fabio Quagliarella autore di una doppietta nella rotonda vittoria casalinga della Sampdoria sul Brescia che diventa così il giocatore più anziano ad aver segnato una doppietta nei cinque maggiori campionati europei in corso . Con le due reti rifilate alle Rondinelle, infatti, il 36enne attaccante campano ha portato il proprio bottino di reti in Serie A a quota 158 staccando tre leggende del massimo campionato italiano come Gigi Riva, Roberto Mancini e Filippo Inzaghi, e scavalcando anche il campione del mondo Luca Toni.

Ibra in gol in A dopo 2806 giorni: nella top 15 dei marcatori più anziani del torneo

La 19a giornata è stata anche la giornata che ha visto il ritorno al gol in Serie A di Zlatan Ibrahimovic a segno nel massimo campionato italiano a 2806 giorni di distanza dall’ultima volta. Una rete siglata all’età di 38 anni e 100 giorni che lo proietta nella top 15 dei marcatori più anziani di sempre della Serie A, al quinto posto invece per quanto riguarda la graduatoria riservata esclusivamente i calciatori del Milan. Ritorno al gol anche per il compagno di reparto Rafael Leao che contro il Cagliari ha segnato il gol più rapido dall'inizio di una ripresa di Serie A con il Milan a partire proprio dalla rete di Ibrahimovic nel maggio 2012. Continuità in fase realizzativa invece per il trequartista dell’Udinese Rodrigo De Paul che per la prima volta dal suo arrivo in Italia è riuscito ad andare a segno in tre gare di campionato consecutive.

La classifica marcatori dopo la 19a giornata della Serie A 2019/2020

  • 20 – Ciro Immobile (7 su rigore, Lazio).
  • 14 – Romelu Lukaku (3, Inter), Cristiano Ronaldo (5, Juventus).
  • 11 – Joao Pedro (2, Cagliari), Lautaro Martinez (2, Inter).
  • 10 – Luis Muriel (4, Atalanta).
  • 9 – Josip Ilicic (Atalanta), Andrea Belotti (5, Torino).
  • 8 – Domenico Berardi (Sassuolo), Francesco Caputo (Sassuolo).
  • 7 – Edin Dzeko (Roma), Arkadiusz Milik (Napoli).
  • 6 – Alejandro Gomez (Atalanta), Duvan Zapata (Atalanta), Joaquin Correa (Lazio), Andrea Petagna (2, Spal), Robin Gosens (Atalanta).
  • 5 – Marco Mancosu (4, Lecce), Christian Kouamé (Genoa), Andreas Cornelius (Parma), Rodrigo Palacio (Bologna), Giovanni Simeone (Cagliari), Paulo Dybala (1, Juventus), Aleksandar Kolarov (2, Roma), Mario Balotelli (Brescia), Riccardo Orsolini (Bologna), Gonzalo Higuain (Juventus), Fabio Quagliarella (3, Sampdoria), Alex Berenguer (Torino).
  • 4 – Dries Mertens (Napoli), Alfredo Donnarumma (1, Brescia), Gianluca Lapadula (1, Lecce), Jeremie Boga (Sassuolo), Radja Nainggolan (Cagliari), Krzysztof Piątek (2, Milan), Theo Hernandez (Milan), Dejan Kulusevski (Parma), Gervinho (Parma), Manolo Gabbiadini (Sampdoria), Cristian Ansaldi (Torino), Nicola Sansone (3, Bologna), Felipe Caicedo (Lazio), Mario Pasalic (Atalanta), Nicolò Zaniolo (Roma), Domenico Criscito (4, Genoa), Goran Pandev (Genoa), Stefano Okaka (Udinese), Rodrigo de Paul (Udinese).
  • 3 – Lorenzo Insigne (2, Napoli), Stefano Sensi (Inter), Erick Pulgar (3, Fiorentina), Miralem Pjanic (Juventus), Nikola Milenkovic (Fiorentina), Gaetano Castrovilli (Fiorentina), Justin Kluivert (Roma), Marco Calderoni (Lecce), Fernando Llorente (Napoli), Gaston Ramirez (1, Sampdoria), Samuel Di Carmine (Verona), Kevin Lasagna (Udinese), Sergej Milinkovic-Savic (Lazio), Simone Zaza (Torino), Filip Djuricic (Sassuolo), Leonardo Bonucci (Juventus), Henrikh Mkhitaryan (Roma), Dusan Vlahovic (Fiorentina), Luis Alberto (1, Lazio), Roberto Soriano (Bologna), Hamed Traoré (Sassuolo), Gianluca Caprari (Sampdoria), Valerio Verre (2, Verona), Diego Perotti (3, Roma).
  • 2 – Franck Ribery (Fiorentina), Luca Ceppitelli (Cagliari), Miguel Veloso (Verona), Marcelo Brozovic (Inter), Federico Di Francesco (Spal), Lucas Castro (Cagliari), Kostas Manolas (Napoli), Roberto Inglese (Parma), Hakan Calhanoglu (Milan), Antonio Candreva (Inter), Mattia Bani (Bologna), Jasmin Kurtic (Spal), Andrea Pinamonti (Genoa), Federico Chiesa (Fiorentina), Matteo Pessina (Verona), Hirving Lozano (Napoli), Chris Smalling (Roma), Andrea La Mantia (Lecce), Davide Faraoni (Verona), Filippo Falco (Lecce), Juraj Kucka (Parma), Giacomo Bonaventura (Milan), Ruslan Malinovski (Atalanta), Roberto Gagliardini (Inter), Khouma Babacar (Lecce), Diego Farias (Lecce), Giampaolo Pazzini (1, Verona), Mariusz Stepinski (Verona), Remo Freuler (Atalanta), Rafael Leao (Milan), Ken Sema (Udinese), German Pezzella (Fiorentina), Jakub Jankto (Sampdoria), Jhon Chancellor (Brescia).
  • 1 – Rodrigo Becao (Udinese), Kevin Prince Boateng (Fiorentina), Kevin Bonifazi (Torino), José Callejon (Napoli), Giorgio Chiellini (Juventus), Danilo (Juventus), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Riccardo Gagliolo (Parma), Aaron Ramsey (Juventus), Cengiz Under (Roma), Christian Zapata (Genoa), Bryan Cristante (Roma), Antonino Barillà (Parma), Andrea Cistana (Brescia), Alfred Duncan (Sassuolo), Romulo (Brescia), Armando Izzo (Torino), Fabian Ruiz (Napoli), Timothy Castagne (Atalanta), Marten de Roon (Atalanta), Federico Bonazzoli (Sampdoria), Danilo D’Ambrosio (Inter), Gregoire Defrel (Sassuolo), Stefan Radu (Lazio), Alexis Sanchez (Inter), Marash Kumbulla (Verona), Franck Kessié (1, Milan), Lasse Schone (Genoa), Fabio Lucioni (Lecce), Ladislav Krejci (Bologna), Danilo (Bologna), Paolo Faragò (Cagliari), Yann Karamoh (Parma), Sandro Tonali (Brescia), Kevin Agudelo (Genoa), Amad Traoré (Atalanta), Nahitan Nandez (Cagliari), Nikola Maksimovic (Napoli), Christian Oliva (Cagliari), Adam Marusic (Lazio), Eddie Salcedo (Verona), Matthijs de Ligt (Juventus), Jeremy Tolian (Sassuolo), Jordan Veretout (1, Roma), Francesco Acerbi (Lazio), Suso (Milan), Darko Lazovic (Verona), Federico Santander (1, Bologna), Mattia Sprocati (Parma), Matias Vecino (Inter), Stefan de Vrij (Inter), Blerim Dzemaili (Bologna), Fabio Pisacane (Cagliari), Marko Rog (Cagliari), Gianluca Mancini (Roma), Nicolò Barella (Inter), Simone Iacoponi (Parma), Ilija Nestorovski (Udinese), Stefano Sturaro (Genoa), Bremer (Torino), Andreas Skov Olsen (Bologna), Mattia Valoti (Spal), Alberto Cerri (Cagliari), Berat Djimsiti (Atalanta), Piotr Zielinski (Napoli), Luiz Felipe (Lazio), Andrea Tabanelli (Lecce), Daniele Ragatzu (Cagliari), Martin Caceres (Fiorentina), Ernesto Torregrossa (Brescia), Nikolas Spalek (Brescia), Andrea Poli (Bologna), Ignacio Pussetto (Udinese), Borja Valero (Inter), Lorenzo Pellegrini (Roma), Gabriel Strefezza (Spal), Sebastiano Esposito (1, Inter), Alberto Grassi (Parma), Milan Badelj (Fiorentina), Tomas Rincon (Torino), Seko Fofana (Udinese), Allan (Napoli), Pedro Obiang (Sassuolo), Marco Benassi (Fiorentina), Zlatan Ibrahimovic (Milan), Karol Linetty (Sampdoria), Antonio Sanabria (Genoa), Mattia Zaccagni (Verona), Merih Demiral (Juventus).
  • Autogol – Kalidou Koulibaly (Napoli – 1), Stefano Sabelli (Brescia – 1), Christian Zapata (Genoa – 1), José Palomino (Atalanta – 1), Mehdi Bourabia (Sassuolo – 1), Jhon Chancellor (Brescia – 1), Nicola Murru (Sampdoria – 1), Luca Ceppitelli (Cagliari – 1), Milan Skriniar (Inter – 1), Paolo Faragò (Cagliari – 1), Andrea Belotti (Torino – 1), Mario Pasalic (Atalanta – 1), Theo Hernandez (Milan – 1), Nenad Tomovic (Spal – 1).